Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I segreti della "Ragazza con l'orecchino di perle": il quadro sottoposto a esami

"Ragazza con l'orecchino di perle" di Vermeer
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 31 Gennaio 2018, 17:52 - Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio, 18:56
«La Gioconda del Nord», come è stata ribattezzata «La ragazza con l'orecchino di perle», il quadro-simbolo del pittore olandese Jan Vermeer (1632-1675), svelerà i suoi segreti. Un team di ricercatori, tra scienziati e storici dell' arte, sottoporrà il dipinto custodito al Mauritshuis dell'Ajaa una serie di esami non invasivi con l'obiettivo di svelare la tecnica pittorica usata da Vermeer e conoscere meglio i pigmenti, l'olio e gli altri materiali usati per dipingere.

Il gruppo di ricerca si riunirà nel museo della capitale olandese dal 26 febbraio all'11 marzo quando il quadro verrà esaminato con le tecnologie più sofisticate, a partire dai raggi X, alla tomografia, ai raggi infrarossi e al microscopio digitale. Gran parte degli esami saranno svolti davanti al pubblico di visitatori. La tela «La ragazza con l'orecchino di perle» è stata esaminata l'ultima volta quasi 25 anni fa, nel 1994, in occasione di un intervento di restauro. Per eseguire le ricerche, il celebre dipinto sarà spostato dalla sala in cui à abitualmente esposto e verrà conservato in un laboratorio appositamente allestito, con pareti in vetro. Tutte le fasi dell'operazione saranno diffuse su uno schermo multimediale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA