Marangone, la Capitaneria sequestra 5 mila ricci
a due pescatori pugliesi e li rigetta in mare

Sabato 18 Gennaio 2020
I ricci sequestrati dalla Capitaneria di porto l'altra notte
Ricomincia la stagione dei ricci sul litorale a nord di Roma e ricominciano anche i sequestri della Capitaneria di porto. Il primo del 2020 è avvenuto la scorsa notte, con l'ausilio della Polizia, e ha riguardato il sequestro di circa 5 mila ricci di mare sulla spiaggia del Marangone.
Ieri sera, durante l'attività di monitoraggio e cotrasto alla pesca abusiva, i militari della Guardia costiera intorno alle 20.30 hanno intercettato due sub intenti nella raccolta di echinodermi al Marangone. A quel punto è scattato l'appostamento della Capitaneria, rafforzato da due pattuglie della Poliza di Stato e della Stradale e a mezzanotte e mezza, al ritorno dalla battuta, i due pescatori di frodo, entrambi di origine pugliese, sono stati fermati. Con loro avevano 5 mila ricci contenuti in cinque ceste, tutti sequestrati, unitamente all'attrazzatura di pesca subacquea. I due sono stati multati di 8 mila euro per raccolta non autorizzata. Altra sanzione di 400 euro per aver alterato il veicolo sul quale viaggiavano, un pick-up, di cui è stato sequestrato anche il libretto di circolazione.
I ricci, ancora vivi, sono stati rigettati in mare, scongiurando ulteriori danni al delicato ecosistema della costa. Solo lo scorso anno la Guardia costiera ha sequestrato e rigettato in mare oltre 50 mila echinodermi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma