Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Civitavecchia, Enel e Unindustria a confronto sul dopo carbone

La centrale Enel di Torre Valdaliga Nord
di Maria Cristina Gazzellini
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Luglio 2020, 17:31
Creare l’occasione per le aziende associate di crescere, riconvertirsi ed esplorare nuovi settori, sia su base locale che a livello nazionale, generando nuove opportunità di sviluppo.
È questo lo scopo dell’incontro che si è tenuto a Civitavecchia tra Unindustria ed Enel. Le imprese partecipanti hanno avuto la possibilità di confrontarsi per avviare un percorso interno di riqualificazione, anche in considerazione del processo di trasformazione in atto della centrale di Torrevaldaliga Nord, con un focus particolare sulle possibili evoluzioni in ambito energetico a livello locale. Nel corso dell'incontro, infatti, si è discusso anche del phase-out, il programma di cessazione definitiva dell’utilizzo del carbone nella centrale Enel di Civitavecchia, secondo quanto disposto dalle norme nazionali ed europee per “migrare” sempre di più verso energie pulite e rinnovabili.
“L’incontro con Enel vuole essere uno stimolo per le nostre imprese – afferma il presidente di Unindustria Stefano Cenci - ad esplorare tutte le nuove opportunità di crescita, a guardare oltre i confini dell’era del carbone e prendere coscienza dei cambiamenti che la transizione energetica sta determinando in tutto il mondo. Questo processo potrà rappresentare un nuovo motore per l’economia, in modo particolare per il nostro territorio”.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA