Coronavirus, famiglia civitavecchiese bloccata a Cuba

Uno dei civitavecchiesi bloccati a Cuba
di Antonio Bandinu
2 Minuti di Lettura
Sabato 28 Marzo 2020, 11:29

Ci sono anche tre civitavecchiesi bloccati a Cuba dopo l’esplosione dell’emergenza sanitaria Covid-19 nel paese caraibico. Si tratta di una famiglia composta da padre, madre e una bambina di 7 anni, che avrebbe dovuto far ritorno in Italia con un volo in programma il 30 marzo, poi slittato al 4 aprile e che alla fine è stato cancellato. Il primo volo disponibile a prezzi accessibili (tre posti su un aereo al momento stanno sui 15.000 euro) è l’11 maggio.
Nel frattempo, i civitavecchiesi, in vacanza da un mese a Cuba, sono stati prelevati dalla “casa particular” di proprietà di una parente nella quale erano ospiti, e sono stati costretti a trasferirsi in un albergo, peraltro a proprie spese, all’Avana. A complicare la situazione, il fatto che la famiglia ha terminato i soldi a disposizione e non ha con sé carte di credito. I ragazzi hanno registrato un video, insieme all’attore Alex Belli, bloccato all’Havana insieme alla fidanzata Delia Duran. Video e notizie che sta facendo il giro del web e di Facebook, con il sindaco Ernesto Tedesco già al lavoro per trovare una soluzione.
“Non sappiamo come fare – spiega l'uomo – perché siamo costretti a stare qua, ma non abbiamo più fondi. Non so come riportare a casa la mia famiglia e la mia bambina di 7 anni. Abbiamo registrato un aereo per l’11 di maggio, ma lo stato cubano vuole che entro il 24 aprile noi siamo fuori da Cuba”.
Tra incredulità e disperazione anche la mamma: “Siamo diversi italiani in questa situazione - spiega – e ci ritroviamo così quasi al termine di una vacanza che avevamo in programma da un anno. Dopo un mese qua, i soldi sono praticamente terminati. Ero tranquilla, nonostante l’iniziale spostamento del volo. Ma poi sono stata ricontattata e mi è stato detto che i voli sono tutti bloccati e che devo restare qua almeno fino all’11 maggio. Siamo stati prelevati come appestati da casa e portati in questo albergo. Non sappiamo come fare, perché comprare voli prima dell’11 è insostenibile economicamente, e aspettiamo notizia dalla Farnesina e da chiunque riesca a darci una mano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA