Ieri sera il flashmob, stamani la riunione al Pincio: i ristoratori provano a rialzarsi

Ieri sera i tavoli vuoti con sopra le candele accese sul lungomare e nelle strette vie del centro storico, stamani la riunione al Pincio con l'amministrazione e, al termine, la simbolica consegna delle chiavi delle attività al sindaco.
I titolari di ristoranti, bar, pub, enoteche protestano e lanciano il loro grido d'allarme sulla crisi dovuta all'emergenza Coronavirus che sta mettendo a ricschio l'esistenza di centinaia di aziende anche in città.
Nella riunione di stamani di carne al fuoco ne è stata messa molta, con il Comune che si è impegnato a studiare tutte le soluzioni possibili per rilanciare il commercio, cercando di ridurre la pressione fiscale e aumentando gli spazi, almeno all'aperto. E' stata anche costituita una commissione ristretta Pincio-operatori che avrà il compito di mettere a punto un vero e proprio piano di rilancio del settore. La prima riunione è fissata per martedì 5 maggio.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani