CORONAVIRUS

Civitavecchia, simpatia e doni per gli operatori di Csp

Mercoledì 1 Aprile 2020 di Andrea Benedetti Michelangeli
Gli operatori di Civitavecchia servizi pubblici durante il servizio di raccolta differenziata (Foto Luciano Giobbi)

"Sono la nonna della bimba che vi saluta sempre dal cancello quando passate nella mia via. Domani vi cedo volentieri qualche mascherina. Suonate al citofono". Firmato Maria Grazia. Non solo medici e infermieri. I civitavecchiesi mostrano simpatia e solidarietà anche verso gli operatori ecologici di Csp.
Ogni giorno si moltiplicano le manifestazioni di affetto, probabilmente perché tanti cittadini si rendono conto delle difficoltà e anche dei rischi che corrono questi lavoratori assicurando la raccolta differenziata dei rifiuti. Da qui i messaggi lasciati su porte, cancelli, sugli stessi mastelli da tanti utenti e anche regali utili come maascherine e guanti. Testimonianze tangibili d'affetto che sorprendono e allo stesso tempo gratificano gli addetti del servizio.
E insieme ai singoli cittadini, ci sono anche gli imprenditori che fanno la loro parte. Di qualche giorno fa la notizia che un imprenditore cinese ha donato 300 mascherine agli operatori di Civitavecchia servizi pubblici. A lui si è aggiunto Antonio Palomba, agente generale della Vittoria assicurazioni di Civitavecchia, che  a sua volta si è voluto "iscrivere" alla gara di solidarietà regalando agli operai 1100 guanti monouso, altrettanto preziosi in tempo di Coronavirus.
Una sorpresa molto gradita dai lavoratori e anche dal presidente di Csp Antonio Carbone e dal capo del personale Paolo Iarlori, che hanno ringraziato l'imprenditore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA