Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Civitavecchia, la scelta del medico in pensione che torna in corsia

L'ospedale San Paolo di Civitavecchia
di Giulia Amato
3 Minuti di Lettura
Domenica 29 Marzo 2020, 12:02 - Ultimo aggiornamento: 14:21
Per chi ha trascorso la maggior parte della sua vita in corsia, in tempi di emergenza, stare lontano dai suoi diventa difficile se non impossibile. E dare una mano si trasforma in un'esigenza. Con questo spirito è tornato in ospedale il dottor Germano Zampa, classe 1949, da meno di un anno in pensione. Stimato professionista ed esperto oncologo, non ha esitato a rispondere al grido di aiuto lanciato dal suo ultimo direttore generale, Giuseppe Quintavalle. E così dalla sua casa di Roma si è trasferito al Sunbay Park Hotel, la struttura messa a disposizione dalla Asl Roma 4 per tutti gli operatori sanitari che continuano a prestare servizio per aiutare i colleghi del San Paolo.
Nessuna paura, preoccupazione sì, però. «Ma questi sono gli inconvenienti del nostro mestiere. Non potevo starmene con le mani in mano - racconta dopo l'ennesima riunione mattutina per il passaggio delle consegne dei 25 pazienti ricoverati nell'unità Covid dell'ospedale - e quindi ho scelto di venire a dare una mano. Sono pur sempre un dottore e non potevo non rispondere a questa chiamata alle armi». Così ha scelto Civitavecchia e il San Paolo, l'ultimo ospedale dove ha prestato servizio dirigendo il reparto di Oncologia, dove è rimasto in contatto con i colleghi per consulenze e altro. «Durante i miei anni di servizio - continua - mi sono occupato di altro, come tutti sanno. Non ho tanta esperienza nel settore delle malattie infettive, ma ho trovato medici preparati e con tanta voglia di lavorare. Ogni giorno imparo qualcosa di nuovo sulle pratiche e le tecniche di rianimazione o ventilazione. Ho poi un giovane nipote che lavora allo Spallanzani a cui mi rivolgo per consultarmi». Poi una riflessione sul momento. «Mai - afferma - avrei pensato o immaginato di dovermi confrontare con un nemico del genere. Insomma, di vivere questa esperienza come medico e come persona».
Per Zampa, abituato a combattere contro un nemico durissimo, il cancro, e vedere pazienti spesso non farcela, oggi la sfida è proprio il rapporto con i malati. «Un malato oncologico spesso ha una famiglia intera a sostenerlo nella battaglia e questo è fondamentale - commenta -. Invece chi si contrae il Covid e viene ricoverato e non ha altro rapporto se non con i sanitari che, nascosti sotto tutte le protezioni che il caso richiede, diventano irriconoscibili. Sapere che si spengono soli e senza il calore dei loro cari è un peso con cui noi medici e infermieri purtroppo ci confrontiamo ogni giorno».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA