Rissa a Caserta, morto pugile di 18 anni: fermato l'aggressore con il coltello, è un 19enne di Caivano

Via Vico a Caserta subito dopo la rissa che ha portato alla morte del 18enne Gennaro Leone
di Fabrizio Arnone e Mary Liguori
2 Minuti di Lettura
Domenica 29 Agosto 2021, 09:34 - Ultimo aggiornamento: 23:01

Una rissa tra giovani nella notte in via Vico a Caserta è finita in tragedia. Un pugile di 18 anni, Gennaro Leone, di San Marco Evangelista, è stato ferito a morte con una coltellata. Il decesso è avvenuto poco dopo il ricovero all'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta. Il ragazzo, ferito alla gamba, aveva perso troppo sangue.

Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri del comando provinciale di Caserta, il giovane - che frequentava una società sportiva di Caserta - è rimasto coinvolto in una lite in via Vico, nel centro storico. Inizialmente, erano due i giovani a fronteggiarsi, dopodiché gli amici dell'uno e dell'altro si sono aggiunti al parapiglia. A quel punto è sbucato un coltello. Un fendente ha raggiunto Gennaro a una coscia. Il giovane sarebbe stato soccorso sul posto da alcuni passanti, poi la corsa in ospedale. In un primo momento le condizioni del ragazzo non sembravano disperate ma, intorno alle 3 del mattino, il quadro clinico è precipitato e  il 18enne è deceduto. 

Sono quindi partite le indagini. Già in nottata i carabinieri hanno identificato il responsabile dell'omicidio. Si tratta di un 19enne di Caivano. La strada dove è avvenuta l'aggressione è videosorvegliata dagli impianti privati dei negozi. I filmati sono stati acquisiti dagli investigatori.

L'indagine è coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere.  

Video

«Che la terra ti sia lieve, piccolo Campione». È il messaggio di condoglianze del mondo del pugilato per Gennaro Leone. Con un tweet della federazione, il mondo pugilistico «nazionale si stringe attorno alla famiglia Leone alla Asd Energy Boxe Caserta per la scomparsa di Gennaro», nel giro delle giovanili della Nazionale azzurra di pugilato. «Riposa in pace, Campione». 

Sempre sui social (ma su Facebook) il leader della Lega Matteo Salvini denuncia «emergenza sicurezza» in tutta Italia: «Scoppia una rissa tra giovani a Caserta, un giovane 18enne viene raggiunto da un fendente alla gamba, che probabilmente gli recide l'arteria femorale - scrive Salvini - La vittima è morta circa tre ore dopo in ospedale, per arresto cardiocircolatorio provocato dalla perdita eccessiva di sangue. È emergenza sicurezza in tutta Italia. Chi ha il potere di farlo intervenga!». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA