immagine Come organizzare la dispensa della propria abitazione per ottimizzare lo spazio
  • Sabato 2 Febbraio 2019, 10:25

Come organizzare la dispensa della propria abitazione per ottimizzare lo spazio

Per chi ha la fortuna di avere una cucina di grandi dimensioni potrà essere utilissimo l'inserimento di una grande dispensa nella quale inserire provviste di scorta ma anche utensili da cucina e prodotti per la pulizia. Tuttavia è possibile dotarsi di una dispensa anche in cucine di piccole dimensioni grazie alle molteplici soluzioni presenti in commercio.

Per fare in modo di godere di tutti i vantaggi che una dispensa può offrire è necessario organizzarla in maniera ottimale, avendo cura di fare un'adeguata pulizia periodica e di dare sempre la priorità a quegli alimenti che hanno scadenza breve.

L'utilità della dispensa in cucina
Una dispensa in cucina si presenta come una soluzione molto comoda per avere uno spazio ove contenere tutto l'occorrente per le normali attività quotidiane.
Se la dispensa è di grandi dimensioni potrà essere organizzata come una vera e propria stanza all'interno della quale sistemare non solo tutto l'occorrente per la cucina e gli alimenti di scorta ma anche per riporre gli accessori per le pulizie quotidiane come detergenti, detersivi ma anche scope, stracci e molto altro ancora.
Se la dispensa non è molto grande, invece, occorre ottimizzare gli spazi nella giusta maniera e fare in modo che tutto quello che vi viene contenuto sia facile da prendere e gestito in totale sicurezza.
Chi ha una cucina molto piccola potrebbe comunque riuscire a organizzare una dispensa cercando di sistemare dei pensili con meccanismi tali da permettere all'utilizzatore di avere un contenitore perfetto.
Infine, una dispensa permette di avere delle scorte di cibo continue che potranno essere molto utili per ogni evenienza.

Tipologie di dispensa per la cucina
A seconda dello spazio a disposizione e dell'utilizzo che verrà fatto della dispensa occorre scegliere il modello giusto tra quelli disponibili in commercio.
Tra le varie soluzioni ci sono:
1. Dispense integrate nella cucina. Queste sono la soluzione migliore per le cucine di piccole dimensioni. Prima di definire gli spazi occorre riservare una zona destinata alla dispensa che dovrà essere organizzata con mensole, contenitori e con ripiani dell'altezza giusta per l'inserimento di tutto quello che occorre.
2. Dispense a colonna. Le dispense a colonna sono dei veri e propri salvaspazio poiché, invece di sfruttare le larghezze, sfruttano le altezze. All'interno delle stesse sarà possibile riservare i ripiani ad alimenti specifici.
3. Armadi dispense. Gli armadi dispense sono delle soluzioni ottimali per chi ha molto spazio a disposizione. Questi sono in genere sistemati in un angolo dove la porta viene inserita in maniera obliqua per permettere di sfruttare una buona profondità. Negli armadi dispense potranno essere collocati cibi, utensili, attrezzi da cucina di scorta e, se viene fatta una corretta divisione, anche accessori per le pulizie.
4. Dispense a vista. Le dispense a vista sono quelle che non presentano elementi di chiusura come per esempio delle ante. Questa soluzione è perfetta per dare un tocco di modernità e calore alla casa ma, per fare in modo che l'insieme risulti raffinato ed elegante, occorre sistemare tutti gli alimenti, accessori e occorrente in maniera ordinata utilizzando contenitori e scatole. Inoltre, una dispensa a vista deve essere pulita più frequentemente rispetto a una chiusa perché polvere e impurità si depositano più facilmente su superfici aperte.

Elementi delle dispense
Per via dell'importanza e dell'utilità delle dispense, in commercio è possibile reperire una serie di attrezzature che riusciranno ad agevolare al meglio il compito di sistemazione degli alimenti.
In particolare, se si decide di avere una dispensa integrata nei pensili della cucina, possono essere di grande aiuto i cassetti che oltre a sfruttare tutta la profondità, permettono anche all'utilizzatore di trovare immediatamente quello che sta cercando poiché ogni cassetto non ha un'altezza particolarmente alta.
Alcuni elementi possono essere montati su apposite guide e uscire con un semplice movimento da parte dell'utilizzatore in questo modo potranno essere utilizzati non solo gli spazi interni ma anche quelli delle ante che diventeranno dei veri e propri contenitori.
I moduli estraibili possono essere di diverse dimensioni e si adattano bene a ogni tipo di cucina poiché esistono elementi profondi appena quindici centimetri.
Oltre a questi è possibile organizzare la dispensa con mensole, ripiani, barre porta-tutto e appendini da sistemare a diverse altezze per suddividere gli alimenti in maniera ottimale.
Nelle ante possono essere sistemati dei piccoli ripiani dove riporre bottigliette o i contenitori delle spezie.
Come contenitori potranno essere utilizzati barattoli di vetro, di latta ma anche cestini per il pane e cassettine di design perfette anche da utilizzare come vassoi di portata.

La pulizia della dispensa
Per evitare che la dispensa diventi un ammasso di alimenti che non vengono consumati è bene osservare alcune regole generali. In primo luogo non devono essere acquistati cibi solamente perché sono in offerta ma in realtà non vengono consumati quasi mai. Nel momento in cui si effettua la cosiddetta spesa di scorta è bene verificare la data di scadenza di ogni cibo per fare in modo di non dover buttare via degli alimenti che non sono stati mai consumati.
Per fare in modo che tutta a spesa sia quella giusta potrebbe essere una soluzione appendere, vicino alla dispensa, una lavagnetta con block notes sul quale scrivere tutto quello che manca e, nel momento in cui ci si reca al supermercato, occorre fare attenzione ad acquistare solamente quelle confezioni che non presentino falli che potrebbero sporcare i moduli dove saranno riposti.
Per avere una dispensa sempre perfetta e funzionale occorre eseguire un'adeguata pulizia periodica: ogni tre o quattro mesi occorre ripulire tutti i moduli e le scatole che sono riposte all'interno avendo cura di sistemare quelle più vecchie davanti per consumarle il prima possibile ed evitare che scadano.
Le confezioni da inserire all'interno della dispensa devono essere ripulite con un panno umido e, in caso di grasso e unto, utilizzare dei detergenti appositi prima di riporli sugli scaffali.
Se non si effettua un'adeguata pulizia potrebbero comparire all'interno delle varie ante, delle farfalline o dei parassiti. Se questo dovesse succedere occorre verificare quale sia la causa e eliminare i cibi che li hanno formati oltre che avere la cura di richiudere bene quelli già presenti per evitare contaminazioni. Una volta trovata la causa del problema possono essere sistemate delle trappole o degli appositi anti-tarme per cibo.
Per evitare la presenza degli insetti all'interno della dispensa possono essere osservati degli accorgimenti naturali. Tra questi si ha l'utilizzo dell'alloro, dell'origano o i fondi del caffè. Sistemare alcune foglie di alloro o origano all'interno della dispensa tiene lontane le farfalline mentre i chicchi di caffè sono un rimedio ottimo contro le formiche. Per evitare la presenza di ogni tipo di insetto possono essere usati dei repellenti naturali come le gocce di olio essenziale di lavanda, menta, citronella o eucalipto: basterà sistemare un fazzoletto con alcune gocce di questi oli essenziali per godere del massimo della pulizia.

Sistemare gli alimenti nel giusto modo
Alcuni elementi sono acquistabili in scatole di cartone che possono essere sostituite da barattoli e contenitori di vetro o di latta. Il vetro riesce a conservare meglio i prodotti contenuti all'interno e inoltre sono perfetti per vedere immediatamente il contenuto interno quando si scelgono di colore trasparente. Il cartone della pasta e del riso, inoltre, potrebbe risentire dell'umidità compromettendo la freschezza dei vari elementi.
In commercio esistono barattoli di vetro che riportano l'esatto contenuto: come per esempio pasta, riso, caffè, zucchero, farina e così via, che permettono di avere sott'occhio tutto.
Prima di buttare via la scatola dov'era contenuta la pasta o il riso un buon consiglio è quello di ritagliare l'informazione riguardo i minuti di cottura.
Per mantenere la fragranza devono essere scelti solamente barattoli con chiusura ermetica che sapranno tenere lontano le farfalline.
Non va dimenticato che la pasta e il riso dovrebbero occupare un ripiano separato da altri alimenti come per esempio quelli destinati alla colazione.
Alcuni cibi temono la luce del sole e l'eccessivo calore come per esempio l'olio o l'aceto che vanno sistemati in bottiglie scure e lontano dalla luce diretta del sole o del calore. Se la dispensa è vicina al forno o al piano cottura quindi, è bene evitare di scegliere il ripiano vicino per la sistemazione di questi alimenti.

Una dispensa multifunzionale
Avere una dispensa multifunzionale permette di contenere una serie di prodotti di diversa tipologia. Oltre agli alimenti potranno essere infatti inseriti, come visto prima, anche prodotti per la pulizia.
In questo caso è bene dividere i vari prodotti per evitare contaminazioni. Questo potrà essere realizzato a seconda del tipo di dispensa che si possiede. In una a cassetti, per esempio, potranno essere utilizzati gli elementi in basso per sistemare i prodotti detergenti, quelli centrali per spugne, stracci e panni e quelle superiori per gli alimenti.
Chi ha la possibilità di avere un armadio dispensa, invece, potrebbe dividere i prodotti della pulizia con quelli per la cucina utilizzando non solo i moduli estraibili ma anche un vero e proprio divisorio realizzato in cartongesso.
Nel sistemare questi prodotti deve poi essere rispettato un criterio specifico: quello dell'altezza. Le bottiglie dell'acqua e del vino potranno essere sistemate nella parte inferiore, questo anche per evitare che un peso eccessivo rovini le mensole e i ripiani della dispensa.

I vantaggi di un'ottima organizzazione della dispensa
I vantaggi ottenibili con un'ottima gestione della dispensa sono diversi. In primo luogo, raggruppando i cibi per tipologia, sarà sempre facile trovare in maniera immediata quello che si sta cercando.
Utilizzare scaffali specifici per ogni tipologia di alimento permette poi di evitare contaminazioni.
Sistemando gli alimenti acquistati da tempo davanti e quelli più nuovi dietro, sarà più facile mantenere la loro freschezza e verrà scongiurato il rischio di farne scadere alcuni e di buttare via quindi soldi.
La dispensa ben organizzata è infine la soluzione ideale per evitare sprechi.
 

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it