immagine Stretta sui controlli a centrali termiche e contatori di calore
  • di Dario Ferrara
  • Martedì 25 Settembre 2018, 12:46

Stretta sui controlli a centrali termiche e contatori di calore

LE REGOLE

Dopo l’obbligo di installare termovalvole e contabilizzatori di calore nei sistemi di riscaldamento degli edifici, ora scattano anche le verifiche periodiche sui contatori di calore e gli altri strumenti di misura.
Per l’impianto centralizzato condominiale deve pensarci l’amministratore o le ditte che sono «terzo responsabile» dell’esercizio e della manutenzione del sistema. Come? Lo spiega punto per punto il vademecum di Assistal, l’associazione delle imprese del settore che aderisce a Confindustria. E sulla manutenzione degli impianti a uso civile interviene la guida della Confederazione nazionale dell’artigianato.

La comunicazione.
L’obbligo, spiegano da Assistal, riguarda la centrale termica del riscaldamento condominiale mentre il ministero dello Sviluppo economico non si è ancora espresso sui contabilizzatori installati sui singoli termosifoni. Il proprietario dello strumento di misurazione o chi è responsabile dell’attività deve comunicare entro trenta giorni alla Camera di commercio locale l’entrata in servizio o la fine dell’utilizzo, oltre che le caratteristiche del sistema. Va mantenuta l’integrità del contrassegno apposto in sede di verifica periodica, oltre che di ogni altro marchio, sigillo, pure di tipo elettronico, o di elemento di protezione. E curata l’integrità dei sigilli provvisori applicati dal riparatore, che rilascia una dichiarazione con cui descrive l’intervento effettuato. Bisogna poi conservare il libretto metrologico più l’eventuale ulterioredocumentazione prescritta e curare il corretto funzionamento degli strumenti.

Potenzae sensore.
Ogni quanto tempo scattano le verifiche? Dipende dalla potenza e dal tipo del contatore di calore. Quando la portata nominale dell’impianto è fino ai 3 metri cubi per ora, i controlli vanno effettuati ogni sei o nove anni a seconda che il sensore sia a flusso meccanico oppure statico, che diventano rispettivamente cinque e otto anni quando la portata del contatore va oltre quella soglia. E bisogna effettuare una nuova verifica periodica se nel frattempo viene realizzato un intervento che prevede la rimozione del sigillo come anche la sostituzione della sonda. È necessario che tutta l’attività sia svolta da società riconosciute da Accredia che hanno i requisiti indicati dal dm 93/2017 e hanno presentato a Unioncamere la segnalazione di inizio attività ad hoc. Ma fino al 17 marzo 2019 potranno continuare a svolgere i controlli i laboratori e gli organismi già riconosciuti dalle Camere di commercio in base alle normative abrogate.

Effetto serra.
Dalla Cna, intanto, arrivano le indicazioni per la manutenzione di impianti di condizionamento dell’aria che utilizzano come refrigeranti F gas, vale a dire gas fluorurati a effetto serra: si tratta di apparecchi utilizzati per la climatizzazione estiva degli ambienti e di recente anche per il riscaldamento invernale, in sostituzione o in abbinamento ai tradizionali generatori di calore a gas. Il punto è che gli F gas sono nocivi se introdotti nell’atmosfera e le norme europee impongono un controllo delle perdite con frequenza prestabilita in funzione del contenuto in gas fluorurati espresso in “tonnellate di CO2”, vale a dire dodici, sei e tre mesi se la quantità risulta compresa fra cinque e cinquanta tonnellate, fra cinquanta e cinquecento o supera i cinquecento; che diventano ventiquattro, dodici e sei mesi quando l’impianto è dotato di un sistemadi rilevamento delle perdite.

Pellet e fumi.
Chiudiamo coi sistemi a biomasse: la manutenzione per gli impianti di potenza inferiore a 15 kw, spiega la Cna, va fatta ogni anno per caldaie e apparecchi ad acqua come termocamini, termostufe e termocucine, ogni due per quelli a pellet e a focolare chiuso ad aria e ogni quattro per gli apparecchi a focolare aperto. Per il sistema di evacuazione di fumi il controllo scatta dopo la quarta tonnellata di combustibile utilizzato.

 

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it