immagine Multiproprietà, la vacanza diventa smart
  • di Giuseppe Spoto
  • Giovedì 12 Luglio 2018, 14:12

Multiproprietà, la vacanza diventa smart

Tutti possono trascorre un periodo di vacanze in un posto di lusso anche senza avere grandi capitali. I contratti di multiproprietà consentono di trascorrere una o più settimane in località rinomate senza essere costretti a chiedere mutui per una casa che molto spesso è utilizzata dai proprietari solo per brevi periodi di ferie e tenuta chiusa la rimanente parte dell’anno.

Un altro vantaggio della multiproprietà è la possibilità di “scambiare” il proprio immobile con altri multiproprietari, cambiando località e conoscendo nuovi posti.

Utilizzo esclusivo.
La multiproprietà immobiliare attribuisce il diritto di utilizzo esclusivo e periodico di un immobile, in modo turnario. Ciascun proprietario ha la disponibilità esclusiva dell’immobile per un periodo di tempo limitato a rotazione insieme agli altri. Il codice del consumo prevede l’obbligo per il venditore di fornire in modo dettagliato, nella fase delle trattative, tutte le informazioni necessarie perché l’acquirente sia in grado di prendere una decisione consapevole. All’acquirente è riconosciuto unperiodo di quattordici giorni per recedere dal contratto anche senza motivo e il venditore nonpotrà esigere somme di denaro fino alla scadenza del termine previsto per l’esercizio del diritto di recesso.

Le garanzie.
Gli articoli 69 e seguenti del decreto legislativo 2005, n. 206 (c.d. “Codice del consumo”) tutelano il consumatore che vuole acquistare una multiproprietà immobiliare e non incorrere in rischi. Anche quando la proprietà è all’estero le informazioni devono essere fornite in lingua italiana al consumatore che intende acquistare. Il contratto deve essere redatto per iscritto e l’operatore deve prestare idonea fideiussione bancaria o assicurativa a garanzia della corretta esecuzione del contratto.

Evitare rischi.
Nei contratti per le vacanze di lungo termine, a partire dal secondo pagamento rateale, il consumatore può porre fine al contratto senza incorrere in penali, dando preavviso all’operatore entro quattrodici giorni dalla ricezione della richiesta di pagamento per ciascuna rata.
Prima di acquistare è però sempre bene leggere con attenzione il formulario informativo ed esaminare la destinazione dell’immobile e la serietà della proposta del venditore.




 

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it