immagine Fare il lifting alla casa per vendere più in fretta
  • di Silvia Scafati
  • Domenica 23 Dicembre 2018, 10:55

Fare il lifting alla casa per vendere più in fretta

A volte può presentarsi l’esigenza di vendere la propria casa in tempi brevi per effettuare un nuovo acquisto o semplicemente per ottenere liquidità. Ma non sempre questa operazione si rivela agevole. Per questo motivo sta prendendo piede una pratica, molto diffusa negli Stati Uniti, chiamata “home staging”, ovvero una serie di attività volte a rendere la casa più appetibile sul mercato, più visibile tra gli annunci immobiliari e quindi più facilmente vendibile.

Le tempistiche di vendita possono ridursi addirittura di oltre i 70%, almeno confrontando i tempi di vendita dichiarati dall’Associazione Nazionale di categoria (Home Staging Lovers), 58 giorni, e quelli ufficiali di Bankitalia, 7,4 mesi. Altro dato interessante riguarda lo sconto medio di vendita, che dal 10,6% della media nazionale può scendere al 4% nelle case che hanno beneficiato di un intervento di home staging. Main cosa consiste l’home staging?

Letteralmente significa “messa in scena della casa”, nella pratica è migliorare la presentazione di un immobile, evidenziandone i pregi e le potenzialità e magari anche rivedendone in parte l’arredamento. Bastano pochi interventi, non strutturali e temporanei, assieme aunservizio fotografico realizzato da un professionista, per cambiare volto a una casa e far scattare il colpo di fulmine con i compratori.

A volte è sufficiente cambiare la disposizione dei mobili, dare un tocco di giusto con il colore, scegliere i complementi più adatti e curare l’illuminazione. Si può provare a fare qualche piccolo intervento anche in autonomia, ma è bene sapere che esiste una figura specializzata che unisce conoscenze di arredamento d’interni, decorazione, fotografia e marketing immobiliare: l’home stager. Questo professionista è in grado di studiare il mercato immobiliare e il target di riferimento; tenere conto della zona in cui si trova l’immobile e del suo valore; limitare il tempo in cui l’immobile non è sul mercato, per iniziare la vendita il prima possibile, rispettare il budget, che dev’essere in linea con il valore dell’intera operazione immobiliare.

L’intervento di home stagingsi caratterizza in tre fasi principali: analisi e progettazione, home staging virtuale, home stagingfisico.
Il primo step consiste nella valutazione di spazi, proporzioni, colori della casa e in una proposta di progetto, corredata di fotografie, rendering 3D e video. Inoltre, è in questa fase che si valutano costi, tempi di realizzazione e prezzi di vendita.
L’home stage virtuale comprende solitamente un home book, ovvero una cartella in cui sono presenti i vari materiali ed arredi che serviranno per vendere casa e un annuncio chiaro ed efficace col quale poter inserire l’immobile sul mercato.
L’ultimo step è l’homestaging fisico, ovvero l’allestimento definitivo della “scenografia”, in cui vengono messi in risalto i pregi dell’abitazione affinché l’acquirente, affascinato dalla disposizione degli arredi e dall’ambiente, abbiaunverocolpodi fulmine.

Ma quanto costa rivolgersi a un home stager? I prezzi, naturalmente, variano in base all’abitazione, alla grandezza, al numero di locali da sistemare, se è arredata o vuota. Orientativamente, si parte da qualche centinaio di euro se sono necessari solo piccoli interventi in una casa già arredata. Il proprietario non acquista nulla, né arredi né complementi. Tutto è temporaneo e rimane nella casa per il tempo della vendita. Inclusi nel servizio ci sono gli scatti fotografici professionali che saranno il biglietto da visita della casa. L’investimento necessario per “mettere a posto” la casa si ripaga accorciando i costi di manutenzione (bollette, tasse ecc.) della casa stessa e riducendo al minimo lo sconto sulla richiesta iniziale.

 

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it