immagine I tappeti perfetti per un arredo di tendenza: guida alla scelta giusta
  • Lunedì 4 Febbraio 2019, 15:21

I tappeti perfetti per un arredo di tendenza: guida alla scelta giusta

I tappeti sono arredi scenografici ma anche funzionali, perfetti per arredare qualsiasi stanza e disponibili nelle forme, dimensioni, filati e prezzi più svariati. Questo complemento ha origini antichissime e sono ancora molti gli artigiani in tutto il mondo a crearne artigianalmente di magnifici e preziosi. Ma come scegliere il modello ideale? Come abbinarlo all'arredo delle nostre case? Quali sono i segreti per mantenerlo pulito e come nuovo? Ecco la nostra guida definitiva che ti permetterà di definire lo stile della tua casa sfruttando il design unico dei più vari modelli sul mercato.

I topic dei modelli moderni
I modelli di tappeto moderni sono realizzati soprattutto con materiali sintetici e che li rendono anche più accessibili a livello economico. Per la maggiore sono prodotti industrialmente e in serie, ma in Italia ci sono ancora artigiani che ne creano di bellissimi e preziosi anche dal mood contemporaneo. Tra le fibre sintetiche predilette per la loro fabbricazione ci sono quelle di il Poliacrile: resistenti al fuoco e adatte anche ai bambini per la loro morbidezza e il loro essere anallergiche. Non solo, grazie a questo tessuto è possibile conferire tonalità molto accese al tappeto, intense e brillanti, che non sbiadiscono facilmente, nemmeno se lavate spesso o esposte ai raggi solari diretti. Non solo, le fibre di Poliacrile sono anche inattaccabili dalle tarme e visivamente assomigliano a quelle di lana. Un altro pregio è la facilità di pulizia e la velocità di asciugatura di questo materiale sintetico, che esige pochissima manutenzione e si impolvera molto meno di altri materiali. Per quanto riguarda invece i colori e le fantasie relative ai modelli moderni, possiamo affermare che sul mercato ne esistono di infiniti. Le tonalità sono in generale molto accese, vivaci e spaziano dai toni caldi del rosso e dell'arancio a quelle vitaminiche del giallo e del verde. Molto amati sono anche il blu e il viola che conferiscono un mood raffinato e prezioso ad ogni ambiente, soprattutto se abbinati ad accessori e complementi d'arredo delle stesse nuance. Intramontabile è anche il black & white soprattutto declinato in stampe e fantasie optical: perfette per completare ambienti minimali e moderni anche molto lussuosi. Anche le forme sono le più varie per il tappeto contemporaneo, sia geometriche e regolari come il cerchio, il quadrato e il rettangolo, che irregolari e fantasiose.

I topic dei modelli classici
Il tappeto di genere classico è realizzato principalmente con fibre naturali, la più usata è la lana. Si tratta di un tessuto pregiato e che si può distinguere in diverse tipologie qualitative, tra queste la lana vergine, cioè ottenuta da pecore vive e di qualità superiore. I prodotti realizzati in generale con questo tessuto sono morbidi, belli da vedere e durevoli, anche se molto più delicati rispetto a quelli sintetici. La loro fama sembra restare invariata da millenni e sono tuttora considerati accessori decorativi e funzionali di pregio e di ineguagliabile raffinatezza. Nei paesi orientali ed arabi per esempio, le diverse figure rappresentate, come pure i piccoli disegni geometrici e le greche hanno significati ben precisi, soprattutto benauguranti o capaci di raccontare vere e proprie storie. I tappeti di forgia tradizionale inoltre, consento di conferire agli ambienti domestici, commerciali o lavorativi un aspetto più accogliente e caldo e, tra l'altro, contribuiscono all'insonorizzazione della stanza. Anche le versioni in lana difficilmente prendono fuoco e questo soprattutto grazie agli intrecci che li compongono e a particolari trattamenti e coloranti utilizzati. Non solo, i prodotti artigianali o industriali più pregiati sono anche poco inclini ad immagazzinare polveri e acari e risultano impermeabili, ma lavabili solo grazie all'opera di tintorie specializzate e all'uso di prodotti ad hoc. In via generale il tappeto classico presenta una cornice finemente lavorata, frange esterne e un tema preciso o varie figure geometriche interne che ne caratterizzano il fulcro, il tema principale. Nei capitoli seguenti verranno svelate anche alcune simbologie antiche e tuttora utilizzate nella loro creazione.

Simbologia classica nel tappeto
La storia del tappeto è veramente antica e le immagini, i simboli e i ghirigori sapientemente tessuti avevano, ed hanno, significati precisi che uniscono il credo religioso a tradizioni millenarie. Ci sono ovviamente tantissime scuole di pensiero e ogni cultura difende le proprie origini e icone, ma in generale possiamo prendere in esame il tappeto caucasico, ancora oggi realizzato secondo antichi dettami. Tra l'ornamentazione geometrica e la vivacità cromatica spiccano figure e simboli riconoscibili come per esempio rappresentazioni di animali. Tradizionalmente questi erano depositari di grandi poteri magici e che derivava dalle peculiarità caratteriali della singola specie. Secondo gli artigiani e la cultura caucasica in generale, la sola rappresentazione di questi animali poteva emanare le loro virtù a chi creava in primis l'opera, a chi possedeva quel tappeto e a chi vi entrava in contatto. Tra gli animali più frequenti ci sono i cammelli, i dromedari, i cavalli, le capre, i cani, anche se per alcune correnti islamiche questo animale era impuro. Grandi poteri benefici erano attribuiti anche agli uccelli, rappresentati di sovente su tappeti e con caratteristiche precise: testa triangolare o a trapezio più o meno regolare e preciso, una discreta macchia di colore che indica l'occhio, lungo collo e varie linee a rappresentare le piume. I volatili sono considerati come il congiungimento tra terreno e ultraterreno, specialmente per la loro capacità di toccare sia terra che il cielo. Secondo alcuni poi, gli stessi simboli o animali venivano anche camuffati nella trama del tappeto, così che solo pochi eletti avessero potuto giovare del loro potere riuscendo a riconoscerli. In alcuni modelli venivano anche rappresentati solo con simboli simili alle lettere nell'alfabeto occidentale come la H, la S, la E o la C. Con la stessa frequenza degli animali, anche i vegetali sono raffigurati con il tessuto sul tappeto orientale e, in questo specifico caso caucasico. Anche questi hanno potere positivo, protettore e portatore di ricchezza, salute e prosperità. Infine, il rosone centrale, quasi sempre presente nel disegno del tappeto classico, viene identificato come un vortice di energia, di positività metafisica. Già nella preistoria per esempio, l'idea di ballare in cerchio poteva convogliare le energie di ogni danzatore, o come anche i Mandala, autentici simboli benauguranti e carichi di positività e carica guaritrice.

Arredare con i tappeti: i consigli dell'esperto
Sicuramente un bel tappeto, pratico e durevole è ideale per caratterizzare maggiormente gli ambienti domestici e anche dare nuovo look a stanze magari datate o poco accattivanti. In particolare vi consigliamo la guida online realizzata dalla docente e conosciuta interior designer Eleonora Tredici e presente sul sito Life Learning, adatta a neofiti e appassionati di tutte le età. La guida si chiama appunto, Arredamento Domestico: Come fare un Restyling Low Cost Solo con i Tessuti e prevede video e immagini di esempio che spiegano nel dettaglio come ammodernare ogni stanza di casa, anche mediante un bel tappeto quindi. Questo accessorio diventa scendiletto nella stanza patronale ed è in grado di creare calore e armonia se abbinato alla nuance delle tende o della parure da letto. Lo stesso vale per la cameretta dei bambini, dove potrà essere fondamentale come scendiletto o per permettere loro di giocare in sicurezza e comodità a terra. Importante è sempre assicurare al meglio il tappeto, magari mediante adesivo, o con supporti in silicone appositi. Si eviteranno scivolamenti e spostamenti accidentali e visivamente il tappeto sarà sempre in ordine e centrato nella stanza. In bagno e in cucina vale la stessa regola: meglio assestarlo al pavimento al meglio. In questi due ambienti si consigliano modelli sintetici e lavabili in lavatrice per garantire la massima igiene e praticità d'uso. In commercio ne esistono davvero per tutti i gusti così che abbinarli al mood della casa sia facile e gratificante, anche per i più esigenti. Se invece il tappeto sarà disposto nell'area living è bene sia sistemato sotto al tavolino del soggiorno fino a incorporare anche parte dell'ingombro del divano. Al contrario il tappeto accoglierà solo il tavolino basso e lascerà che il divano oggi direttamente sul pavimento. Ovviamente la grandezza dovrà essere proporzionale alla stanza e all'arredo che vi poggerà sopra. Quando il tappeto sta sotto al tavolo da pranzo vale la stessa regola: deve accogliere l'intero perimetro dello stesso e delle sedie e deve avere la stessa forma del piano del tavolo. Per quanto riguarda lo stile è bene utilizzare sempre nuance e trame affini a questo e che richiamino i colori, le fantasie o il mood già adottato nella stanza.

Pulizia del tappeto: tutti i segreti
Per godere di un tappeto sempre bello e pulito è necessario non solo scegliere il modello ideale per l'uso e l'ambiente, ma anche procedere alla regolare pulizia e manutenzione. Se si ha un modello pregiato e realizzato artigianalmente è sempre meglio portarlo a lavare nei centri specializzati, o in una tintoria che offra anche questo servizio. ma settimanalmente è bene eliminare eventuale polvere sbattendolo delicatamente, se il tappeto è di piccole dimensioni, o munirsi di aspirapolvere ed eliminare la possibile polvere. In questo ultimo caso è necessario usare il bocchettone specifico dell'elettrodomestico ed evitare una potenza eccessiva che potrebbe danneggiare le fibre o romperle. Gli esperti in generale consigliano, al di là del tessuto proprio del tappeto, di non strofinare mai, nemmeno in presenza di macchie ostinate da rimuovere. Tamponando semplicemente il rischio di danneggiamenti svanirà del tutto e basterà utilizzare un panno morbido imbevuto con un po' di acqua tiepida e insistere delicatamente sulla macchia. Se questa è secca o particolarmente tenace si può utilizzare lo shampoo per capelli: prodotto delicato, smacchiante e low cost. In alternativa esistono schiume senza risciacquo specifiche per la pulizia domestica e fai da te dei tappeti. Queste sono sicure e facili da usare, assicurano una pulizia profonda ma al contempo delicata e non lasciano residui, rinfrescano le fibre ed eliminano sporco, polvere e odori. Se invece si ha pazienza e tempo si possono utilizzare apposite polveri pulenti, da stendere sul tappeto, lasciare in posa e poi eliminare mediante aspirapolvere. Spesso è anche necessario strofinare e insistere sulle macchie ostinate, ma il risultato è davvero ottimo e durevole e facile da raggiungere

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it