immagine Sicurezza, risparmio e spazi più fruibili: ecco la casa domotica
  • di Francesco Marinuzzi
  • Sabato 23 Giugno 2018, 10:20

Sicurezza, risparmio e spazi più fruibili: ecco la casa domotica

Le soluzioni e le installazioni domotiche stanno aumentando significativamente anche in Italia e apportano valore aggiunto agli immobili.

Sono sostanzialmente tre le motivazioni per un impianto domotico: la sicurezza, il risparmio energetico e la maggiore fruibilità degli ambienti.

La sicurezza
Nuovi sistemi senza fili con sensori del mercato dell’internet delle cose (IoT) connessi a device intelligenti sono capaci di inoltrare in modo parametrico le segnalazioni o i video ripresi in tempo reale verso organi di polizia, controllo o verso i telefonini stessi degli utenti. Talvolta vengono anche utilizzate le tecnologie biometriche e di riconoscimento del volto.
Tali sistemi possono gestire automaticamente le chiusure perimetrali in funzione dell’arrivo o partenza degli occupanti. Può esser controllata anche la presenza di “gas”, “fumi” o temperature a rischio. Possono richiedere specifici interventi a garantire il totale cambiamento degli accessi e delle autorizzazioni ed in fase di vendita la totale cancellazione e/o rimozione di ogni propria traccia dei dati testuali o video ripresi

Il risparmio energetico
Oltre ai tetti fotovoltaici si stanno da poco diffondendo i cosiddetti “muri di potenza” oppure “powerwall” costituiti da accumulatori di energia capaci di immagazzinarla nei momenti di produzione e scambiarla non solo verso la casa ma anche le auto e bici elettriche con forti risparmi ed autonomie energetiche. Gli impianti di condizionamento possono essere attivati e spenti in funzione degli orari di arrivo e di uscita così come le luci di ogni ambiente. Tutti i consumi elettrici possonoesser monitorati e programmati in ottica di risparmio in relazione a specifiche fasce orario contrattuali di convenienza.

La maggiore fruibilità e semplificazione
Molti studi dimostrano la forte correlazione fra il nostro benessere e la percezione sensoriale dello spazio e del contesto in cui siamo. La luce, i suoni e perfino gli odori possono creare delle atmosfere specifiche. Nel mercato si trovano già a prezzi contenuti lampade programmabili nel colore e nell’intensità contenenti anche sistemi audio senza fili facilmente controllabili da smartphone o apparati similari. Inoltre, per le persone diversamente abili o a mobilità ridotta esistono già tantissimesoluzioni utili a compensare gli specifici deficit sia motori sia sensoriali per un pieno e più semplice uso degli spazi della casa e modalità di accesso alla stessa. Ultimamente anche le interfacce di questi sistemi si stanno semplificando con gli assistenti “vocali” che riconoscono il nostro parlato e l’applicazione delle tecniche di intelligenza artificiale e di apprendimento automatico che riescono ad auto apprendere il loro funzionamento ottimale dal nostro comportamento e quelli di moltissime altre persone senza necessità di programmazione preventiva.

La quantificazione del valore
Nella tabella vengono date delle indicazioni sull’incremento di valore che i suddetti sistemi possono apportare al valore dell’immobile proporzionalmente alla parte interessata. Il caso “minimo” è relativo adunutilizzo limitato e parziale dei sistemi mentre il caso “massimo” è relativo alla piena adozione delle soluzioni più aggiornate e complete disponibili sul mercato. Un fattore da valutare attentamente sarà anche il tipo di tecnologia utilizzato e la suacompatibilità con le soluzioni più aggiornate considerando che spesso il prezzo delle componenti è dato dalle economie di scala sottostanti piuttosto che dallaqualità insé. Per una compiuta valutazione si consiglia, comunque, di rivolgersi ad esperti del settore che possano valutare anche l’integrità e manutenibilità nel medio lungo periodo dei sistemiin essere.




 

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it