immagine Cane in arrivo? Controlla che la casa sia a misura di Fido
  • Martedì 31 Luglio 2018, 08:05

Cane in arrivo? Controlla che la casa sia a misura di Fido

Un cane ha bisogno di amore e attenzioni, ma anche l'ambiente gioca il suo ruolo perché deve essere privo di ostacoli. Quando arriva un cucciolo di cane in casa tutti sono preoccupati dei suoi giochi, si impegnano a coccolarlo e a giocare, soprattutto se ci sono dei bambini. In pochi invece si preoccupano di controllare che la casa sia pronta ad ospitarlo. Ecco cosa fare per una casa a misura di cane.

Organizzare il giusto spazio per il cane
Nella maggior parte dei casi quando si prende un cane si accoglie un cucciolo che sembra più un peluche che un essere senziente che ha bisogni e necessità. Invece le cose non stanno così. La prima cosa da pensare è la taglia, si prende un cucciolo che magari pesa solo qualche chilo, ma poi quanto sarà grande? La casa sarà accogliente per lui? Tutti sanno che un cane ha bisogno d'amore, ma se si tratta di un cane di grande taglia, costretto a stare in un piccolo appartamento tutto il giorno, magari da solo, forse è meglio valutare se sia o meno opportuno. Ad esempio se si decide di prendere un cucciolo di Alano si deve poi pensare al futuro, cioè al fatto che il cane crescerà molto, che potrebbe avvertire l'esigenza di sollevarsi su due piedi e che a tale altezza potrebbero esservi degli oggetti con cui procurarsi delle ferite. A ciò si aggiunge che un cane di grossa taglia ha bisogno di avere un giaciglio dove dormire che deve essere tale da dargli comfort quindi occorre avere tale spazio realmente disponibile in casa. Deve essere sottolineato che qualunque sia la taglia del cane è necessario che in casa siano ricavati degli spazi per lui, cioè è necessario che abbia un giaciglio comodo e delle ciotole. Per far in modo che questo spazio "arredi" si può optare per giacigli decisamente particolari, ma è più un'esigenza umana che canina. Se il cane resta tutto il giorno in casa avrà bisogno anche di una lettiera, è vero che i cani dovrebbero essere portati fuori per i bisogni, ma se restano tutto il giorno soli in casa e gli scappa, devono pur avere un'alternativa e la più igienica è la lettiera.

Dividere gli spazi
Quando si decide di tenere il cane in casa si deve considerare che questo è un ulteriore membro della famiglia, di conseguenza deve conoscere i vari ambienti della casa, non può essere tenuto chiuso in una sola stanza anche perché potrebbe ammalarsi o deprimersi. Deve però essere abituato a capire quando può andare in tutti gli ambienti e quando invece è meglio che se ne resti nella stanza dove sono le sue cose: cuccia, ciotole, giochi. Ad esempio, è giusto mantenere la propria privacy nella camera da letto o nel bagno, ma il cane deve comunque conoscere tali ambienti, magari si può lasciare entrare in camera mentre si sta resettando, per poi fargli capire che deve invece stare fuori la notte. I cani sono molto intelligenti quindi se ci si prende il disturbo di dargli delle regole e non mutarle nel tempo, lui capisce cosa può fare e cosa non può fare. Se fin da cucciolo è abituato a non saltare sul divano sicuramente non ne soffrirà neanche da adulto e gli spazi saranno opportunamente divisi senza che nessuno invada quelli degli altri appartenenti alla famiglia. Se proprio si vogliono tenere delle aree inaccessibili si può optare per l'inserimento di cancelletti che separano le zone di casa. Ovviamente in casa ci saranno delle marachelle all'inizio, ad esempio potrebbe decidere di giocare con i cuscini del divano, si dovrà avere la pazienza di insegnargli che alcune cose non devono essere fatte.

I vantaggi del giardino
Tutto cambia se si ha anche la disponibilità di un ampio terrazzo o di un giardino. Anche in questo caso è necessario però valutare le condizioni concrete. Se si vuole lasciare il cane in terrazzo o in giardino mentre si è al lavoro, si deve avere l'accortezza di valutare se in inverno il cane dispone di copertura per proteggersi da pioggia, neve, vento e se può avere sufficiente tepore. In estate si deve considerare se può avere del fresco disponibile altrimenti si rischia di lasciare il cane in sofferenza e questo proprio non è accettabile. Quando il cane ha la fortuna di avere un giardino o un grosso terrazzo a disposizione, la casa si misura richiede che almeno su una porta che comunica con l'esterno ci sia un'anta mobile, in questo modo il cane può uscire ed entrare quando vuole. Ovviamente il giardino deve essere adeguatamente recintato in modo che il cane non possa uscire in strada, cosa che mette in pericolo lui e gli altri, e che altri animali non entrino a disturbarlo creando magari delle pericolose risse.
La casa a misura di cane dipende molto anche dalla razza e non solo dalla taglia, ad esempio un Labrador pur essendo considerato un cane di taglia medio-grande, ha bisogno di molto spazio possibilmente anche esterno, inoltre il Labrador, come anche il Terranova ama l'acqua, quindi se deve valutare anche l'ipotesi di poter avere un giardino in cui accogliere almeno in estate una piscina per cani. Se si decide di prendere un Chihuahua si deve sapere che ha un carattere particolare, a volte anche irascibile, ma soprattutto ha la necessità di stare in casa, in inverno ha bisogno di tepore quindi inutile pensare di comprare una cuccia e metterlo fuori casa.

Il tempo libero del cane
La scelta della razza e della taglia è preliminare all'arrivo del cane, ulteriori attenzioni devono essere poste quando il cucciolo arriva. Lui nei primi mesi avrà purtroppo bisogno di rosicchiare, quindi devono essere presi dei giochi atossici che il cane possa tranquillamente rosicchiare. I giochi del cane non devono nascondere insidie, quindi meglio non dare il vecchio peluche dei bambini con occhi o altre parti facilmente staccabili. Tra i giochi preferiti vi sono le palline, le corde, ossi. Nonostante questo, il cane potrebbe avvertire la necessità di rosicchiare anche i mobili quindi meglio prendere un cucciolo quando si ha la possibilità di seguirlo e trascorrere del tempo in casa con lui. In alternativa si devono proteggere piedi delle sedie e dei tavoli, magari avvolgendoli con della spugna e del cartone. Con il tempo questa brutta abitudine verrà meno. Deve essere sottolineato che l'abitudine di rosicchiare dei giochi ha degli aspetti positivi perché contribuisce a tenere i denti del cane puliti e consente al cane di vivere con maggiore serenità il distacco dal padrone quando deve uscire.

Casa al top? C'è l'architetto per cani
Per chi vuole avere una casa a misura di cane pensata sulle sue necessità, il top è assumere un architetto che progetti una casa perfetta per l'amico a quattro zampe. Tra le soluzioni adottabili vi è la scala per cani di piccola taglia. Perfetta quando la casa è collocata su due piani e si vuole dare libero accesso a tutti gli ambienti. La stessa deve anche anche una ringhiera in grado di evitare cadute accidentali.

I pericoli che possono nascondersi in casa
Finora si è parlato di come creare un ambiente confortevole per l'amico a quattro zampe, ora si passa alla sicurezza. Per avere una casa a misura di cane è bene anche porre attenzione ad alcuni fattori che potrebbero metterlo in pericolo. In primo luogo tutti sappiamo che in casa ci sono sostanze che possono essere pericolose per cani e bambini se non cautamente usate. Di conseguenza medicinali devono essere posti dove non sono accessibili, quindi un cassetto in alto del bagno o di altro ambiente è l'ideale. Scegliendo un mobile basso il rischio è che riesca comunque ad aprirlo spinto dalla sua curiosità e quindi che possa ingerire farmaci. Lo stesso discorso deve essere fatto per detergenti e prodotti chimici in genere. Questi devono essere tenuti in un luogo non accessibile, ad esempio se si ha un ripostiglio questo deve essere sempre chiuso, possibilmente a chiave, soprattutto se il cane è in grado di arrivare alla maniglia. Un'altra premura da avere è quella di lasciare l'immondizia in un luogo non accessibile al cane, in questo modo non c'è il rischio di trovarla tutta sul pavimento e non c'è il rischio che si faccia male con lattine vuote, vetri o altro. A volte basta la semplice attenzione di comprare dei contenitori difficili da aprire per il cane, oppure metterli sul terrazzo e chiudere la porta, creare un piccolo recinto. La casa può nascondere ulteriori insidie ad esempio delle piante velenose per il cane. Normalmente non si mangiano le foglie delle piante, ma i cani sono curiosi e sono portati ad addentare qualunque cosa. Un esempio aiuterà a chiarire, tra le piante di appartamento che devono stare lontane dai cani vi è il filodendro le cui foglie contengono una linfa irritante per il cavo orale. Un altro albero è l'oleandro, questo di solito si trova in giardino non all'interno. Può causare al cane crampi, nausea, vomito, aritmia cardiaca. Un'altra nemica giurata è la stella di Natale, questa ha un lattice che risulta urticante per gli amici a quattro zampe. I fiori del ciclamino, invece, possono portare vomito, nausea, diarrea. Se proprio si vogliono avere queste piante, o vengono regalate, devono essere tenute in posti in cui il cane non può accedere, ad esempio su davanzali. In giardino è bene evitare anche l'ortensia e il mughetto. La lista è lunga e comprende anche alcune erbe aromatiche, ecco perché quando si decide di prendere un cane è bene informarsi anche su questo aspetto.

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it