immagine Arredare il corridoio: ecco le soluzioni più intelligenti
  • Sabato 26 Gennaio 2019, 10:25

Arredare il corridoio: ecco le soluzioni più intelligenti

Arredare un corridoio è più semplice di quanto si possa immaginare. La stragrande maggioranza delle case presenta inevitabilmente un corridoio, di solito di 1 x 2,70 metri, rispettivamente in lunghezza e altezza. Del resto, questa porzione dell'appartamento, che funge da collegamento fra le stanze e da luogo di passaggio, è spesso una soluzione architettonica obbligata.
Diversamente da quello che si ritiene comunemente, il corridoio non è solo uno spazio che serve per unificare gli ambienti, ma può avere anche un aspetto piacevole ed essere arredato in modo funzionale. Coloro che credono che il corridoio sottragga spazio al resto della casa hanno sbagliato in partenza, perché esistono davvero molte soluzioni per renderlo bellissimo e vivibile.

Il corridoio: si può arredare davvero?
Un corridoio è lo spazio che permette di accedere alle altre stanze della casa. In genere ha una forma rettangolare, più o meno lunga, la cui dimensione può variare in funzione della grandezza dell'appartamento. Alcune volte il corridoio può essere annesso al disimpegno, ovvero ad una porzione in cui sono concentrati più connessioni fra gli altri ambienti. La grandezza, anche in questo caso, è legata inevitabilmente al numero delle porte che si aprono.
Qualunque sia la larghezza e la lunghezza di un corridoio è possibile realizzare progetti d'arredo gradevoli e volti a valorizzare questa superficie apparentemente anonima. Si ricorda che, al'interno di ogni casa, qualsiasi porzione può conferire carattere all'insieme, quindi anche il corridoio riesce svolgere un ruolo determinante e migliorare la vivibilità.
Quando si decide di migliorare l'aspetto estetico e la funzionalità del corridoio è buona norma concentrare l'attenzione sui punti salienti, ovvero: i rivestimenti, le porte, la pittura, le luci i complementi e gli accessori. Coordinando opportunamente questi elementi si ottiene un risultato finale molto appagante e l'intero appartamento ne guadagna in bellezza.
Naturalmente non esiste una regola assoluta per arredare il corridoio, in quanto ogni accorgimento andrebbe valutato al caso specifico, alla forma e alla dimensione dello spazio disponibile, oltre che allo stile dell'appartamento e alle preferenze personali.

I rivestimenti del corridoio
In genere si tende a rivestire il corridoio con la medesima pavimentazione che è già presente nel resto della casa. Tuttavia, nulla vieta di spezzare la continuità dei rivestimenti e di scegliere maioliche stravaganti e completamente differenti da quelle posate nelle altre stanze.
Esistono diversi progetti d'arredo che prevedono corridoi con pavimenti in parquet, in mosaico e con piastrelle dalle caratteristiche cromatiche accese. Tutto questo con lo scopo di attribuire al corridoio un'identità ben precisa e volutamente di rottura con il restante stile dell'appartamento.
L'utilizzo intelligente delle piastrelle può inoltre aiutare a ridurre significativamente la percezione delle dimensioni ristrette. Infatti, posando una pavimentazione dal grande formato e dal colore luminoso può far sembrare il corridoio più spazioso e fluido.
In alcuni casi, inoltre, i medesimi pattern scelti per il pavimento, possono essere posati lungo le pareti. In questi casi è bene scegliere piastrelle decorative dal sapore contemporaneo, così da creare una soluzione anche molto atmosferica ed originale.
Invece, coloro che cercano un risultato più elegante e sofisticato possono sempre optare per il marmo. Chiaro oppure scuro, il marmo resiste al passaggio continuo delle mode, non stanca e si rivela il materiale più adatto per valorizzare anche i corridoi più angusti e bui.

Le porte del corridoio
Fortemente caratterizzanti, le porte rappresentano elementi da curare con molta attenzione per valorizzare al meglio qualsiasi corridoio. Si possono scegliere a battente o scorrevoli. In quest'ultimo caso qualora si volesse recuperare e ottimizzare lo spazio.
Le ultime tendenze suggeriscono di spaziare per le porte filo muro, quindi senza finiture, prive dei tradizionali stipiti o cornici, così da risultare un tutt'uno con la parete, come fossero invisibili.
Una buona alternativa consiste nel posare porte in vetro, a battente o a scomparsa, oggi personalizzabili in base ai propri gusti. Questo genere di porte si possono decorare e lavorare a piacimento, alternando anche vetri opachi, lucidi e colorati. Inoltre, si segnala la possibilità di sceglierle in vetro stratificato e dipinto interamente a mano, per un risultato stilistico senza precedenti e di grande impatto estetico.
Infine, rimane sempre ferma la scelta delle porte in legno, disponibili in diversi stili e nuance. Esistono porte con modanature elaborate o con pannelli dalle linee pulite. Il colore andrebbe sempre coordinato all'insieme, tenendo conto della pittura e dei rivestimenti. Oltre al classico bianco, si potrebbe spaziare fra le tonalità opportunamente più scure delle pareti, in modo da evidenziare la cornice della porta.

La pittura del corridoio
Quali colori scegliere per evidenziare l'estetica del proprio il corridoio? Tutto dipende dal risultato che si desidera ottenere, ma senza dover accantonare il proprio gusto e lo stile che si preferisce portare avanti.
In genere, in base alla tonalità prescelta, si può rendere un corridoio meno soffocante, più luminoso e ampio. Il tortora o l'avorio, ad esempio, sono dei colori maggiormente richiesti dai proprietari degli immobili che intendono conferire una nota di eleganza a questo ambiente di passaggio.
Le tinte accese o più decise, come il rosso, il bordeaux, il verde bottiglia o il giallo ocra, sono quelle che vengono prescelte per dare un tocco di modernità e vivacità al corridoio.
Siete alla ricerca di una soluzione evergreen e di sicuro successo? Allora, optate per il bianco e il nero, oppure per un total white. Quest'ultima alternativa è perfetta anche per realizzare corridoi raffinati e ispirati allo stile shabby.
Negli ultimi tempi, tuttavia, si è anche diffusa la moda di utilizzare colori più cupi e rientranti nelle variazioni del grigio. Queste colorazioni, diversamente da quello che si potrebbe immaginare, aiutano a dare profondità ai corridoi moderni e che seguono anche lo stile industrial.
Si segnala che la pittura non è l'unica opzione disponibile. Oggi, infatti, si possono arredare corridoi esclusivi utilizzando la carta da parati. L'offerta disponibile comprende quelle monocrome, ricche di motivi geometrici, in rilievo o con decorazioni floreali. Si possono posare lungo tutto il corridoio o in alcune porzioni, oltre ad alternare pittura alla carta.
Esistono carte che replicano materiali naturali come il legno, il bambù o la pietra e persino stickers murali che riprendono opere d'arti famose o che raffigurano aforismi e messaggi d'amore memorabili.
Infine, per i più difficili e incontentabili, resta sempre valida la boiserie, cioè l'idea di coprire le pareti del corridoio con pannelli di legno lisci, incisi o intagliati. Una boiserie è quello che serve anche quando si desidera ristrutturare un corridoio in breve tempo e senza stravolgerlo eccessivamente.

L'illuminazione del corridoio
Difficile che un corridoio presenti punti luce naturali e finestre. Allora, è sempre bene ovviare a questo problema introducendo un'illuminazione bilanciata e adeguata allo spazio disponibile.
Solitamente si procede installando delle applique o lampade da muro, che oltre a decorare, emettono volumi di luce che evidenziano le porzioni e il colore della parete. Esistono in diverse forme e materiali: ceramica, ferro battuto, acciaio e vetro sono solo alcuni esempi. In alcuni corridoi, dove l'altezza lo consente o è possibile realizzare persino un controsoffitto in cartongesso, si può decidere d'installare le plafoniere o i faretti direzionali.
L'ultimo orientamento in fatto d'illuminazione vede come protagoniste le apprezzate barre a led, perfette per sottolineare il percorso o per evidenziare le porte. Si montano con facilità, sono discrete e offrono un abbattimento significativo sui consumi. Posizionandole opportunamente consentono di ricreare composizioni di luce molto artistiche e, in certi casi, anche futuristiche e super moderne.
Infine, in presenza di un disimpegno o di un corridoio piuttosto ampio, specie in larghezza, l'idea più originale consiste nello scegliere un solo lampadario importante, come quelli in cristallo che oltre ad arredare con gusto restituiscono massima luminosità.

Accessori e complementi per il corridoio
Rivestimenti, pareti e illuminazione non sono i soli fattori da curare quando si decide di arredare con stile un corridoio e renderlo il fiore all'occhiello della propria abitazione. L'aggiunta di accessori e complementi giusti può fare la differenza e attribuire quel quid che migliora l'intero progetto.
La regola di base è sempre quella di non strafare. Bisogna evitare di aggiungere troppi oggetti che, alla fine, sortirebbero l'effetto opposto e cioè quello di rendere il corridoio disordinato e troppo soffocante. In caso di dubbi è sempre meglio togliere, piuttosto che aggiungere qualcosa che possa appesantire l'ambiente.
Un corridoio curato dovrebbe presentare delle stampe o dei quadri, da appendere in maniera proporzionata al contesto. Si possono disporre in sequenza o alternando le cornice fra una porta e l'altra. Quando c'è spazio a sufficienza si può scegliere un solo quadro per ottenere un effetto scenografico che non passerà inosservato.
L'aggiunta di mensole può servire per recuperare spazio in casa, per esempio per ordinare libri e gli oggetti. Esistono anche mensole complete di appendini o cappelliere, oltre a quelle angolari che sono perfette per accogliere foto di famiglia e altri ninnoli da collezione.
Un corridoio, inoltre, può essere arricchito da alcuni mobili come le consolle, i bauli e specchiere dalle forme più disparate. Infine, un corridoio può anche diventare uno spazio ideale da accessoriare con un bel vaso o un tappetto a contrasto.

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it