immagine Costi per traslocare: la guida al risparmio
  • Giovedì 2 Agosto 2018, 08:25

Costi per traslocare: la guida al risparmio

Cambiare abitazione e residenza, per motivi di lavoro e per qualsiasi altra ragione, è sempre un momento impegnativo che può diventare meno stressante e dispendioso richiedendo il supporto di ditte specializzate. I costi per traslocare si possono stimare ma vanno conteggiati in base al caso concreto.

Il trasloco: meno stress e più risparmio
Quando occorre cambiare casa ci si chiede quali siano i costi per traslocare. Tutto dipende dai servizi che si rendono necessari e dalla distanza chilometrica fra l'immobile di partenza e quello di destinazione. Tuttavia, attuando alcuni semplici accorgimenti è possibile risparmiare sulla spesa complessiva e portare a termine un lavoro preciso e puntuale. Infatti, i traslochi non sono standardizzati e ogni situazione richiede servizi su misura, specifici per il caso concreto. Il prezzo finale dipende, ad esempio, dalla quantità e dal tipo di oggetti che si desiderano trasportare, dall'utilizzo di alcune strumentazioni come le piattaforme elevatrici, oppure da ulteriori importanti dettagli logistici che verranno esaminati a seguire. In altri termini, un trasloco fronte strada avrà un costo minore rispetto a quello da eseguire all'interno di un super attico. Analogamente, trasportare un armadio è cosa ben diversa dal portare a destinazione un pianoforte. Esistono, quindi, traslochi di bassa e media difficoltà, ma anche quelli più complessi e che richiedono attenzioni e competenze specifiche.
 
Le voci che influiscono sui costi di un trasloco
I prezzi per traslocare non si possono stabilire in maniera fissa ma vanno commisurati alla situazione concreta. In linea generale è possibile fissare un range orientativo che resta soggetto a normali oscillazioni. A questo riguardo, le ditte specializzate in traslochi richiedono una tariffa compresa fra 250,00 e 300,00 euro, relativamente ai trasporti da eseguire all'interno di un determinato comune. L'importo, tuttavia, può lievitare fino a 1500,00 euro, specie quando il trasloco implica ulteriori costi legati a ragioni logistiche. Quando si calcolano i costi per traslocare le voci principali che determinano la spesa complessiva sono: l'imballaggio degli oggetti e dei soprammobili, il facchinaggio, lo smontaggio e il montaggio dei mobili, il trasporto e l'assicurazione. A questi elementi, molto spesso, si sommano le inevitabili spese per la piattaforma aerea, per il montacarichi, per l'occupazione del suolo pubblico, oltre a eventuali servizi aggiuntivi.
 
Costi base per traslocare
Da quanto emerso le spese di un trasloco di base includono diverse voci fra le quali quelle per l'imballaggio degli oggetti. Si tratta di costi che si aggirano fra 100,00 e 300,00 euro, e che sono commisurati alla mole delle cose da portare a destinazione, alla loro fragilità e al tipo di packaging da abbinare. Lo smontaggio e il rimontaggio dei mobili, invece, parte da 80,00 fino a 400,00. Il trasporto, compreso il costo del carburante, è ricompreso fra 150,00 e 2000,00 euro. Questa voce si basa sulla distanza effettiva da percorrere. Diverso è il caso dei trasporti intercontinentali, che richiedono tragitti di oltre 800 chilometri, i cui costi possono arrivare anche a 7000,00 euro. La spesa complessiva del trasloco, inoltre, ricomprende anche quella dell'assicurazione. In genere, infatti, le ditte specializzate sono responsabili per i danni derivanti dal trasloco e che vengono causati a terzi e agli oggetti. Non sono infrequenti voci del contratto di assicurazioni che escludono la responsabilità della ditta quando il cliente provvede autonomamente ad imballare la merce. Le clausole che riguardano l'assicurazione vanno valutate attentamente per non perdere la possibilità di ottenere un ristoro in caso di sinistri e incidenti che si possono verificare durante il trasloco.
 
Costi aggiuntivi per traslocare
La maggior parte dei traslochi comporta spese accessorie dettate dalle circostanze. In molti casi, ad esempio, è necessario provvedere al pagamento degli oneri per l'occupazione del suolo pubblico. I permessi sono obbligatori e le spese, che solitamente ammontano intorno a 90,00 euro, si devono versare al comune interessato che stabilisce le varie tariffe in base ai metri e al tempo dell'occupazione. Le ditte di trasloco specializzate si occupano della richiesta dei permessi per l'occupazione temporanea e conseguentemente delimitano la zona con transenne, in modo da consentire un regolare scarico e carico degli oggetti. I costi aggiuntivi del trasloco, inoltre, possono ricomprendere anche l'utilizzo di piattaforme aeree e montacarichi, fondamentali per raggiungere in sicurezza appartamenti posti ai piani alti. Queste attrezzature servono anche per velocizzare il trasloco e per preservare al meglio i mobili e gli oggetti da trasportare. L'uso di queste strumentazioni si rende necessario anche in presenza di oggetti ingombranti e fragili come vasche da bagno o pianoforti, e parte da 350,00 euro fino a 600,00 euro. In questo importo è ricompreso anche l'utilizzo del compensatore, una protezione che viene agganciata agli elevatori per assicurare l'appoggio ai balconi e ai serramenti, al fine di accrescere la sicurezza e rendere il posizionamento dei mobili ancora più semplice.
 
Esigenze particolari in fase di trasloco
Quando si deve traslocare possono presentarsi le situazioni più disparate e una buona ditta dovrà essere in grado di rispondere con successo alle varie problematiche. Tante volte, infatti, bisogna lasciare urgentemente il vecchio appartamento senza avere la disponibilità di entrata in quello in cui si deve traslocare, perché occupato o ancora in fase di ristrutturazione. In questo caso sorge la necessità di trovare un posto in cui custodire i mobili e gli oggetti da trasportare nell'attesa di ottenere l'accesso al nuovo immobile. Le ditte specializzate in traslochi e che offrono servizi completi sono in grado anche di offrire un deposito temporaneo. Questo servizio torna molto utile pure nel caso in cui le cose da trasportare siano tante e si desidera organizzare l'accesso nella nuova casa attraverso vari step. I depositi permettono di custodire tutta la roba in modo ordinato preservandola da possibili danneggiamenti. In genere i box deposito sono soggetti al controllo continuo da parte della sicurezza e vengono assicurati contro il furto, l'incendio e altre cause che possano provocarne il deterioramento del contenuto. Il costo del deposito si commisura in base ai metri cubi occupati. In meda la tariffa per ciascun metro cubo oscilla fra i 5,00 e i 10,00 euro.
 
Lo sgombero prima del trasloco
Spesso ci si accorge di aver accumulato troppa roba inutile, oppure che la mole delle cose presenti in casa, e che si deve portare a destinazione, non potrà trovare spazio nel nuovo appartamento dalla metratura più ristretta. Cosa fare in questi casi? Le ditte di traslochi specializzate offrono spesso un servizio di sgombero delle varie stanze, oltre che del solaio, dalla cantina e del garage. Lo sgombero consentirà di trasportare solo quello che davvero serve e che si mantiene in buone condizione, così da superare vincoli di spazio all'interno della nuova casa e contenere notevolmente i tempi e i costi del trasporto. Naturalmente i costi dello sgombero sono legati alla quantità delle cose da dismette e vengono calcolati anche in base alle giornate di lavoro necessarie. La tariffa base è pari a 70,00 euro, sebbene lo sgombero più impegnativo, che dura diversi giorni, può arrivare anche a 2.500,00 euro. Nel costo è spesso ricompreso anche la voce per lo smaltimento presso le aree ecologiche e per il servizio finale di pulizia. Lo sgombero è un passaggio fondamentale per coloro che desiderano abitare in una casa ordinata e arredata con elementi davvero funzionali e in buono stato di conservazione.
 
La soluzione per affrontare meno costi per traslocare: no al fai da te
Esistono diversi modi per affrontare meno costi in fase di trasloco e rendere questo momento più sereno e facile. La prima cosa da fare è evitare di fare tutto da soli oppure di farsi aiutare da amici e parenti senza alcuna esperienza. Erroneamente si ritiene che basta avere un furgone e tanta volontà per portare tutto all'interno della nuova casa. Nulla di più sbagliato. Agire autonomamente potrebbe apparire come un modo per risparmiare ma, nei fatti, comporta ingenti costi, accresce lo stress, nonché i tempi di realizzazione. In mancanza di strumentazione e di competenza, infatti, è molto facile provocare danni a terzi e ai propri oggetti, comportando così l'obbligo di risarcimento e facendo lievitare in modo rilevante il budget preventivato. In aggiunta, anche le operazione d'imballaggio e quelle di trasporto necessitano di attenzioni particolari, proprio per evitare danni. La professionalità nel montaggio e nel rimontaggio dei mobili è un altro fattore imprescindibile. Insomma il fai da te è da scartare, anche perché significherebbe rinunciare alla copertura assicurativa in caso di sinistri e all'uso di strumentazioni professioni, come montacarichi e piattaforme aeree, fonfamentali per trasporti anche di bassa difficoltà. Affidarsi a una valida ditta significa garantirsi qualità ed efficienza, ovvero risparmiare concretamente.
 
Quale ditta di traslochi scegliere?
Non esiste una regola assoluta in merito alla scelta della ditta di traslochi. Tuttavia, valutando alcuni indizi, è possibile identificare la società specializzata che faccia al proprio caso. Al giorno d'oggi, purtroppo, molti si millantano esperti in traslochi senza disporre della necessaria esperienza e strumentazione. Affidarsi alle ditte prive di competenza vuol dire fare i conti con notevoli disagi e il risparmio iniziale, in termini economici e di tempo, si risolve ben presto in uno specchietto per allodole. Diversamente una ditta seria e affidabile garantisce un ventaglio di servizi efficaci, quali assistenza ad ampio raggio, anche per quanto riguarda la richiesta dei permessi per l'occupazione del suolo e la possibilità di depositare la merce all'interno di magazzini temporanei. Inoltre, una ditta qualificata si avvale di personale che ha acquisito la dovuta preparazione e utilizza macchinari di ultima generazione, assieme agli imballaggi di alta qualità. Una volta identificate le ditte veramente specializzate, soprattutto tramite internet, è fondamentale richiedere i preventivi. In genere, per ottenere la stima dei costi per traslocare è necessario un sopralluogo, per valutare e capire meglio i servizi necessari. Ottenuti i preventivi non resta che confrontare quello più conveniente e iniziare il trasloco con la massima serenità attraverso il supporto della ditta più competitiva.

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it