immagine Come avere una casa profumata: idee e trucchi per dire addio ai cattivi odori
  • Mercoledì 24 Ottobre 2018, 16:03

Come avere una casa profumata: idee e trucchi per dire addio ai cattivi odori

Quando si entra in una casa profumata si ha fin da subito una buona sensazione. Purtroppo però non sempre è possibile pulire a fondo e conservare quel piacevole profumo di freschezza a lungo. Con qualche piccolo accorgimento e qualche trucco è possibile però riuscire a raggiungere questo obiettivo, sia utilizzando dei prodotti naturali, sia con qualche espediente rubato a chi di profumi e pulizia se ne intende.

Finestre chiuse a lungo, scarpiere collocate nei posti sbagliati, soffritti e fritture possono rappresentare le cause di quei persistenti e sgradevoli cattivi odori in casa. All'interno della maggior parte delle abitazioni infatti le normali e quotidiane attività che si svolgono nei vari ambienti domestici sono solo una parte delle cause responsabili di questo problema. Soprattutto presso le case che rimangono chiuse a lungo, gli odori sgradevoli persistono e finiscono per diventare una sorta di "impronta olfattiva", una vera e propria caratteristica identificativa di una casa. Purtroppo a questo inconveniente, ci si può abituare e non accorgersi dunque di quanto sgradevole sia per gli ospiti sentire quelle fastidiose emanazioni. Solo a seguito delle grandi pulizie domestiche capita infatti di riscoprire una casa fresca e profumata, ma perchè allora non provare a mantenere il più lungo possibile quella piacevole sensazione di pulito? Con qualche accorgimento, le soluzioni giuste e anche qualche piccolo trucco è possibile riuscire in questo intento e regalarsi al proprio rientro in casa il piacere di rilassarsi tra le note delle proprie fragranze preferite.
 
Limitare le cause dei cattivi odori
Per limitare le cause dei cattivi odori si potrebbe affermare che pulire profondamente ed il più spesso possibile è il primo passo per far si che la casa rimanga più profumata possibile. Ciò è ovviamente vero, ma per pulire in profondità ogni angolo di un'intera abitazione occorre quel tempo che sempre più spesso manca.
Per conferire alla casa una fragranza gradevole è opportuno prima individuare e limitare quelle che sono le cause responsabili dei cattivi odori.
I luoghi dove gli odori sgradevoli rimangono in modo più persistente sono gli stessi un pò in tutte le case. Si tratta ad esempio della cucina, dove si producono quotidianamente a volte gradevoli odori dolciastri e fruttati, ma più frequentemente odori agri e pungenti. Le piccole accortezze quotidiane sono infatti in grado di limitare il problema dei cattivi odori della cucina, dove sarebbe necessaria tra l'altro una quotidiana pulizia delle superfici con dei prodotti a base di candeggina. Accendere l'aspiratore e portare all'esterno le pentole sporche contenenti l'olio bollente in attesa che si raffreddi oppure le piastre dove è stata cotta carne o pesce, se fatto con abitudine, può contribuire a limitare di certo i danni, almeno finché queste pentole non verranno lavate. Attenzione poi a tende e tessuti vicini a questi ambienti perché sono in questi termini, paragonabili a delle spugne, dunque una spruzzata quotidiana di spray antiodore per i tessuti contribuirà senza dubbio al mantenimento di un ambiente profumato. Attenzione poi alle scarpiere che collocate vicino agli ambienti di passaggio lasciano veicolare odori poco graditi, meglio perciò situarle nel disimpegno o nei luoghi che non sono di passaggio e inserire all'interno delle scarpe delle sfere di legno di cedro, dal grande potere cattura-odori. In bagno poi occorre prestare attenzione a scarichi e porta-spazzolini da denti e porta-spazzola per la pulizia del wc. Se, anche in dosi minime, viene utilizzata periodicamente della candeggina in gel all'interno di questi contenitori, di certo i cattivi odori saranno molto meno percettibili.
 
Profumare la casa con essenze e soluzioni naturali
I metodi naturali per profumare una casa sono veramente numerosi e di certo anche molto efficaci. Si tratta di soluzioni eco-friendly che rispettano la natura e che conferiscono delle intense note di fiori, frutta e piante aromatiche, perfette soprattutto per gli indumenti, i tessuti e tutte quelle superfici che possono venire a contatto con la pelle. Uno dei sistemi più apprezzati sono i diffusori di essenze che diffondono le profumazioni diluite in acqua attraverso dei bastoncini e che possono essere ricaricate con qualsiasi essenza naturale. Anche i tradizionali sacchetti contenenti della lavanda o del potpourri possono essere ricaricati con degli oli essenziali puri e riutilizzati numerose volte. Posizionando questi ultimi negli svuota tasche all'ingresso della casa o riponendoli negli appendi abiti, oltre naturalmente che nei cassetti e negli armadi, si creeranno dei piccoli angoli profumati nei vari ambienti domestici. Occorre ricordare che i reali oli essenziali 100% naturali non sono quelli che spesso si trovano in vendita presso la grande distribuzione ed è consigliabile fare attenzione alla dicitura dell'etichetta dove deve essere chiaramente scritto che si tratta di un prodotto completamente naturale oppure, se si preferisce, acquistarli presso un'erboristeria di fiducia. Per la cucina invece piccole composizioni decorative di spezie come cannella, stecche di vaniglia, chiodi di garofano e noce moscata, unite a petali e foglie secche e soprattutto alla buccia di agrumi lasciata debitamente seccare. In bagno del bicarbonato insieme a dell'aceto di mele può essere versato all'interno del water e oltre che ottenere un'azione sbiancante si allontaneranno gli sgradevoli odori provenienti dal tubo di scarico.
Sempre con il bicarbonato si può realizzare una sorta di cattura odori, semplicemente riponendolo in una ciotolina, perfetto da essere esposto così nei luoghi dove si fuma o dentro al frigorifero, altro luogo dove talvolta possono generarsi odori sgradevoli.
 
Un aiuto più incisivo con i prodotti chimici
Può accadere a volte che profumare la casa sia un'impresa più difficile del previsto e davanti a circostanze come queste bisogna necessariamente ricorrere a prodotti chimici e professionali. Anche se più aggressivi queste tipologie di prodotti possono far ottenere risultati più efficaci in quanto questi ultimi sono destinati ad usi ben specifici e mirati. Come ad esempio accade con i diffusori di profumi automatici, gli stessi che spesso vengono utilizzati in alberghi e ristoranti e che in modo completamente autonomo diffondono profumazioni concentrate, in grado di essere efficaci in ambienti di ben 150 mq.
Destinati ad un utilizzo ben preciso sono le pastiglie per aspirapolvere che limitano notevolmente i cattivi odori causati dallo stazionamento delle polveri all'interno delle vaschette di questi elettrodomestici e che possono essere utilizzati anche all'internodei cestini dei rifuiti secchi, come quello di un bagno o di una camera-studio.
Essendo quello dei cattivi odori un problema frequente molto diffuso, molte aziende produttrici di detergenti per la casa hanno ideato e commercializzato prodotti per la pulizia contenenti delle profumazioni molto concentrate e perciò dalla notevole efficacia. Attraverso le pulizie quotidiane di vetri, pavimenti e superfici si può così conferire un tono profumato alla casa con un solo gesto. Indispensabili sono poi i cattura odori profumati spray, spesso utilizzati presso le lavanderie dopo il lavaggio di un capo e molto efficaci sui tessuti degli elementi d'arredo come tende e moquette. Questo prodotto risulta particolarmente indicato anche i divani e le testate in tessuto, così come anche sui grandi cuscini d'arredo e su tutti quegli oggetti tessili che ovviamente è impossibile lavare tutti i giorni e che molto sono spesso la causa della persistenza dei cattivi odori.
 
Trucchi e soluzioni efficaci
Per avere una casa profumata normalmente si ricorre a prodotti mirati e realizzati apposta come appunto oli essenziali, profumi e detergenti. Spesso però non si presta attenzione al fatto che ricorrere a dei piccoli accorgimenti possa fare la differenza. Ad esempio vi sono alcune specie di piante da appartamento che hanno la capacità di migliorare la qualità dell'aria. Queste capacità sono state individuate soprattutto in alcune specie come la palma da datteri "nanal" oppure il falangio o ancora la palma della fortuna, tutte piante che hanno un forte potere purificante dell'aria ed aiutano perciò a mantenere un'aria pulita oltre che più salubre. Per mantenere una gradevole profumazione in cucina o nella zona della sala da pranzo si può ricorrere anche ad un piccolo trucco che consiste nell'inserire dei chiodi di garofano lungo la buccia di un limone o delle arance. Questo può diventare anche un piacevole modo di decorare un cesto di frutta soprattutto durante il periodo natalizio. Dopo aver sbattuto i tappeti di casa può essere efficace spruzzarvi sopra una soluzione fai-da-te composta da acqua, gocce di limone, bicarbonato e poche gocce di essenza di cedro. Dopo aver lasciato ad asciugare il tappeto all'aperto per pochi minuti sarà possibile ricollocarlo al suo posto nella certezza di avere un tappeto pulito e profumato. Anche per i cuscini del divano o quelli delle sedie esiste un piccolo trucco per trasformare questi tessili d'arredo in veri e propri profumatori. Basterà prendere un piccolo pezzo di tessuto che non occorre più ed arrotolarlo su se stesso, creando una forma tubolare lunga circa 15 centimetri. Spruzzandovi sopra un normale profumo o delle essenze profumate questi pezzi di stoffa, collocati all'interno dei cuscini, emaneranno piacevoli profumazioni ogni qual volta si riscalderanno attraverso il calore del corpo. Attenzione però ad utilizzare in questo caso solo profumi di qualità, soprattutto se questi cuscini possono venire a contatto con la pelle ed il viso.

  • Annunci correlati

IlMessaggeroCasa.it