Gloria Satta
SUPERSTAR di
Gloria Satta

La lezione di Meryl Streep, attrice prodigio e donna da Oscar

Lunedì 31 Agosto 2015
609

Sta per uscire un nuovo film interpretato da Meryl Streep: “Dove eravamo rimasti”, diretto da Jonathan Demme. La più grande attrice vivente interpreta una matura rockstar che, dopo aver dedicato la vita a inseguire il successo, cerca di recuperare i rapporti con la famiglia trascurata. Ed è sorprendente vedere l’ennesima trasformazione di Meryl: vi basti sapere che per il film, ha imparato a suonare la chitarra elettrica…

Di fronte a questa attrice-fenomeno, tre Oscar, 19 nomination e 8 Golden Globe, io rimango sempre stupita. Il suo talento fuori del comune non basta a fare di lei un mostro sacro del cinema. Lei “è” il cinema. Ad ogni film, vediamo una Meryl diversa. Una nessuna centomila. Credibile come suora spietata (“Il dubbio”), come temutissima giornalista di moda (“Il diavolo veste Prada”), nei panni di Margareth Thatcher (“The Iron Lady”), come madre canterina (“Mamma mia”) e madre divorziata (“Kramer contro Kraner”), come “Donna del tenente francese”, come strepitosa partner di Robert De Niro (“Innamorarsi”). Ho citato a caso, pescando nella memoria alcune interpretazioni che hanno lasciato il segno e dimenticandone molte altre.

Ho sempre pensato che il segreto di questa attrice prodigiosa, al di là del talento fuori dal comune, dev’essere  il suo equilibrio affettivo. Meryl, 66 anni, ha lo stesso marito da sempre, lo scultore Don Gummer, e quattro figli. Mai uno scandalo, mai un gossip, mai un’ombra hanno sfiorato la sua vita privata tenuta accuratamente al riparo dalla curiosità. Dietro la star da Oscar si cela una donna vera: forse è per questo che il fenomeno Streep ci piace tanto. Voi che ne pensate?

Ultimo aggiornamento: 11:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA