Gloria Satta
SUPERSTAR di
Gloria Satta

L'Italia all'Oscar con i rom
nuova sfida di un cinema vitale

Sabato 30 Settembre 2017
67
La designazione come candidato italiano all’Oscar del film “A Ciambra”, diretto dal giovane e per ora sconosciuto regista Jonas Carpignano, ha scatenato la discussione, anche a livello politico: il film, girato con la tecnica documentaristica del cinema-verità, è ambientato in Calabria all’interno di una comunità di rom che rubano per vivere, e ci si è chiesti se è giusto che l’Italia venga rappresentata all’Oscar da una storia di questo genere.
Iopenso vi dico che la designazione di “A Ciambra”, in assenza di film tanto forti da sfidare il miglior cinema del mondo intero, è stata una scelta spiazzante ma strategica e ha buone probabilità di rivelarsi vincente. Gli americani, in particolare la giuria dell’Oscar, amano i film dotati di una forte identità e non quelli che tentano, il più delle volte vanamente, si rifarsi ai modelli hollywoodiani.
Amano vedere (e premiare) quelle storie che raccontano realtà diverse, che ti portano in un mondo inaspettato e sono capaci di coinvolgere, emozionare, stupire. Il film di Carpignano possiede tutti questi requisiti e può dunque aspirare ad arrivare in finale.
“A Ciambra” testimonia inoltre l’attuale varietà del cinema italiano, emersa all’ultima Mostra di Venezia: oggi i nostri registi sono capaci di spaziare dalla commedia al noir, dal dramma al musical, al thriller, al cartoon d’autore. In attesa delle nomination, non ci resta che fare il tifo per i rom di Carpignano. Ultimo aggiornamento: 10:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA