Andrea Andrei
POST di
Andrea Andrei

Le foto natalizie che ci fanno solidarizzare con il Grinch

Venerdì 3 Gennaio 2020 di Andrea Andrei
Sono tempi cupi per il Grinch. Talmente cupi che anche Charles Dickens, se fosse stato vivo oggi e avesse dato un'occhiata ai social network in questi giorni di festività, probabilmente sarebbe stato molto più indulgente con il suo Mr. Scrooge. Perché anche chi non ha un odio cordiale per il Natale come il protagonista di "A Christmas Carol" spesso non può soffocare un moto di incontenibile nervosismo alla vista dell'ennesima foto davanti all'albero.

Perché passino le immagini di tavole imbandite come se più che la nascita di Cristo ci fosse da festeggiare la fine di una carestia; passino pure (ma con difficoltà) le imbarazzanti pose con corna di renne in testa o maglioni misto lana-sintentico dalle improbabili fantasie che dovrebbero trasmettere allegria e invece fanno sudare solo a guardarle (e fanno scorrere il dito sul feed con la stessa velocità con cui si cambia canale quando si incrocia lo sguardo di un tronista ammiccante in tv). Ma la foto davanti all'albero di Natale, magari con bambini e/o cani in braccio no. Non perché non si voglia essere partecipi della gioia altrui, per carità. Ma solo perché a quella gioia da famiglia perfetta, a quel quadretto patinato preso in prestito dalle serie tv, non ci crede nemmeno chi quelle foto le scatta. E che poi, cosa ben più significativa, le pubblica. Per fortuna, il Natale è ancora un'altra cosa. Con buona pace del Grinch.

andrea.andrei@ilmessaggero.it Ultimo aggiornamento: 16:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA