Giorgio Ursicino
MilleRuote
di Giorgio Ursicino

Kia, il crossover elettrico da famiglia potente e veloce come una supercar

La nuova Kia elettrica EV6
di Giorgio Ursicino
4 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Maggio 2021, 09:38 - Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 19:56

L’auto, si sa, è nata nella vecchia Europa. Fra Germania e Francia. Poi, è subito sbocciata in Italia e Inghilterra dove, già all’inizio del secolo scorso, videro la luce autentici capolavori di meccanica. Subito dopo, l’industria e l’economia americana, inventarono la motorizzazione di massa con la catena di montaggio e il mitico Model T di Henry Ford. In quella fase storica, l’attuale emergente Oriente era un passo indietro dal punto di vista della mobilità. Il Giappone partì con convinzione solo negli anni Trenta, la Corea dopo la Seconda Guerra, la Cina aprì il dossier addirittura alla fine del millennio, preferendo prima giocare con le biciclette. Chi più chi meno, i “follower” hanno recuperato e, al di la del fascino della tradizione, si affacciano con un approccio inedito alla mobilità sostenibile. Il Giappone nell’automotive ha dimostrato di essere un’eccellenza già da decenni, svettando nel campo della qualità e dell’affidabilità. I cinesi si muovono da leader rivendicando la progenitura in fatto di batterie che fa sognare un monopolio non realizzabile.

Ora, nell’era della transizione ecologica, è l’industria coreana a toccare l’apice, da tutti i punti di vista. Una crescita costante e ormai matura per sfidare chiunque, non solo sul terreno della concretezza, della durata e del controvalore, ma anche su quello della tecnologia, delle performance e, persino, del prestigio. Da generalisti a premium. Forse è una coincidenza raggiungere il vertice proprio nell’epoca del cambiamento epocale, ma è un iter partito da lontano e pianificato nei dettagli. Il gigante Hyundai-Kia, che come produzione viaggia nel gruppetto dei costruttori più grandi del pianeta, è arrivato fra i primissimi ad una piattaforma per soli veicoli elettrici, sfoggiando un tempismo e una tecnologia tipica dei migliori. Il gioiello si chiama E-GMP (Electric-Global Modular Platform) e la Kia EV6 è una BEV (Battery Electri Vehicle), il primo modello a sfruttarne i benefici essendo già in vendita (in Italia dal 23 aprile).

La EV6 è un crossover modernissimo che esalta tutte le chicche del progresso. Le dimensioni sono tipiche di una “classe media”, certamente non è specifica per il mercato italiano, ma globale. Alcune misure, però, sono innovative, mai viste in precedenza sui veicoli endotermici. Lunga 468 cm, larga 188 e alta 155, ha un passo record di 2,90 metri. Il risultato è che le imponenti ruote (da 19 a 21 pollici) sono ai quattro angoli della carrozzeria, lasciando tanto spazio per l’abitacolo e il vano bagagli anche grazie alla compattezza della powertrain elettrica. La batteria da 77,4 kWh è disposta in basso, sotto il pianale, fra i due assi. Il bagagliaio ha una capienza di oltre 500 litri che superano i 1.300 reclinando i sedili posteriori. Altri 50 litri sono sull’avantreno per la versione a 2 ruote motrici (trazione posteriore) che scendono a 20 nella versione 4x4.

L’interno è una vera bolla vivibile dove trascorrere il tempo in compagnia. Nella plancia troneggiano due schermi ricurvi da 12,3 pollici ciascuno, c’è l’“head up display” con realtà aumentata e, nelle versioni GT Line e GT, l’impianto Premium Sound della Meridian con 14 altoparlanti. Nella parte elettrificata l’impianto è a 800 volt e l’accumulatore nella versione mono motore da 229 cavalli garantisce un’autonomia di oltre 510 km che scendono a 490 nella Awd da 325 cv. Eccellenti i tempi di ricarica poiché il gioiello dispone chiaramente del sistema ultrafast. Bastano 5 minuti per buttare dentro 100 km di range, per passare dal 10% all’80% del pieno servono solo 18 minuti. Raffinatissimi gli Adas, i dispositivi di assistenza alla guida che in autostrada consentono anche il cambio di corsia inserendo solo la freccia. Sono disponibili 3 versioni, esclusa la poderosa GT tutte rientrano negli incentivi governativi di 10.500 euro con rottamazione e di 7.500 senza. La EV6 costa di listino 49.500, la AWD 53.000, la GT Line 61.000.

Discorso a parte merita la GT (69.500 euro), una vera supercar con abito da crossover che sfoggia l’incredibile potenza di quasi 600 cavalli. Originali anche i servizi che testimoniano il passaggio da un’azienda automobilistica ad una di mobilità (“Moviment that inspires”, il movimento che ispira è il nuovo claim dell’azienda). Si punta sempre sul numero 7 che da anni caratterizza la lunga garanzia di tutte le Kia. Per la EV6 i sette anni includono anche la manutenzione ordinaria e i servizi telematici UVO Connect (7+7+7), un modo per vivere in tranquillità il feeling con un’astronave elettrica. Gli automobilisti che acquisteranno la EV6, inoltre, usufruiranno per un anno di una tariffa speciale alle colonnine del network Ionity (0,29 centesimi al kWh invece di 0,79). Altri vantaggi ci sono per chi prenota l’auto on line, c’è la possibilità da pagare l’energia scontata del 12% al servizio Kia Charge Plus che offre la possibilità di rifornirsi nel 90% delle colonnine sul territorio italiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA