Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€
Giorgio Ursicino
MilleRuote
di Giorgio Ursicino

Codice della Strada, le novità 2022: multe più salate, ecco tutti gli articoli che cambiano

Codice della Strada, le novità 2022: multe più salate, ecco tutti gli articoli che cambiano
di Giorgio Ursicino
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Dicembre 2021, 12:50 - Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 13:26

Un’ottima notizia per gli utenti della strada, decine di milioni di persone che devono affrontare tutti i giorni pericoli e disagi per raggiungere il posto di lavoro e per svolgere le loro incombenze quotidiane. Sono numerosi gli articoli del codice della circolazione modificati dal Parlamento e pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 9 novembre. La maggior parte dei quali, però, entra il vigore a Capodanno, mentre si brida all’arrivo del 2022. Dopo i problemi e le polemiche che sta creando la transizione energetica male accompagnata da indispensabili supporti governativi, questa volta il legislatore si è mosso con coerenza adeguando la normativa alle nuove esigenze del traffico mutate anche causa dell’elettrificazione della mobilità e dei disagi creati dalla pandemia. La maggior parte delle novità, come è giusto che sia, riguardano la sicurezza per portare avanti quel trend virtuoso di ridurre le vittime della strada. In questo percorso quasi obbligato una particolare attenzione è stata dedicata ai soggetti più “vulnerabili” come i pedoni con un focus a difesa dei diritti delle persone diversamente abili. Andiamo per ordine.

Violazioni alla guida, detenzione di armi pesca in zona vietata: denunce e sequestri

Parcheggi per disabili
Giro di vite per chi abusa degli spazi riservati ai portatori di handicap. Diventano molto più salate le multe per chi occupa senza averne diritto gli spazi a lori riservati ed aumentano i punti decurtati sulla patente. Di contro crescono le agevolazioni per i disabili. La multa per l’uso non autorizzato degli spazi riservati sale e può rientrare in una forbice che va da 168 a 674 euro. I punti decurtati sul permesso di guida raddoppiano (da 2 a 4) e addirittura triplicano (da 2 a 6) se si utilizza un permesso non in regola come fotocopiato, “prestato” e scaduto. Gli aventi diritto, invece, potranno parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu se gli spazi a loro riservati sono indisponibili o già occupati. 

Divieto di sosta
Sono state individuate tre nuove categorie da proteggere per le quali le amministrazioni locali dovranno individuare gli spazi appositi. Avranno aree riservate gli scuolabus, sia per la sosta sia per la fermata. Stessa priorità avranno le donne in stato di gravidanza o i genitori con figli inferiori a 2 anni, e le auto elettriche, simbolo della lotta all’inquinamento ed alla CO2 che è climalterante. Chi non li rispetta è soggetto ad una multa fra 25 e 100 euro se è utente di due ruote e fra 42 a 174 se di quattro ruote. I possessori delle vetture a batterie, invece, potranno occupare gli spazi dedicati alla ricarica solo per un’ora in più del tempo necessario al rifornimento con esclusione dalle ore 23 alle 7 del mattino. La deroga decade se le colonnine sono fast e super fast, cioè “veloci”. In questo caso lo spazio deve essere sempre lasciato libero a ricarica ultimata.

Utilizzo dispositivi elettronici
Viene ulteriormente esteso il divieto alla guida ai device con display che non è più solo limitato agli smart phone. Sono banditi per chi è al posto di guida anche notebook, tablet, computer portatili e apparecchi similari che possono comportare l’allontanamento delle mani dal volante.

Attraversamento pedoni
Sulla strisce il diritto di precedenza viene esteso, oltre alle persone che stanno attraversando, anche a quelle che sono il procinto di farlo. Gli attraversamenti pedonali possono essere rialzati fino al livello del marciapiede e tinteggiati con colori diversi per aumentarne la visibilità.

Uso dei monopattini
Tema caldo e molto recente i cui interventi potrebbero non essere definitivi. Il Codice ribadisce il limite di velocità di 6 km/h in aree pedonali ed abbassa quello di tutti gli altri casi da 25 a 20 km/h. Diventano obbligatori gli indicatori di svolta, posizione e freno così come devono essere utilizzati di notte bretelle o giubbotti riflettenti. È vietato l’uso di monopattini a trazione prevalentemente elettrica sui marciapiedi. È consentito l’utilizzo su strade urbane con limite a 50 km/h e in tutte le aree dedicate (pedonali e ciclabili).

Foglio rosa e patenti
La validità del foglio rosa è estesa da 6 mesi ad un anno, ma chi si esercita senza “istruttore” rischia una multa da 430 ad oltre 1.700 euro e il sequestro amministrativo del veicolo per 3 mesi. L’esame pratico dopo quello teorico può essere ripetuto 3 volte e non più 2 e quello teorico è rivisto con meno quiz (da 40 a 30), ma meno possibilità d’errore (da 4 a 3). Per gli under 35, i fruitori del diritto di cittadinanza e di ammortizzatori sociali è previsto un bonus fino a 1.000 euro. Decadono le limitazioni per neopatentati purché, per il primo anno, siano accompagnati da persone con regolare permesso di guida da almeno 10 anni e che non abbiano più di 65 anni.

Sporcare la strada
Gettare oggetti o immondizia sul suolo pubblico costerà il doppio (da 216 a 866 euro), mentre lanciare cose dal finestrino sarà punito con una multa da 52 a 204 uero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA