Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€
Giorgio Ursicino
MilleRuote
di Giorgio Ursicino

Auto, gli incentivi non bastano: a maggio il mercato perde un altro 15%. In soli 6 giorni quasi finita una fascia di ecobonus

Auto in attesa di essere acquistate
di Giorgio Ursicino
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Giugno 2022, 18:00 - Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 17:12

Un aiuto sì, ma non sembrano la soluzione. Certo gli attesi incentivi per l’auto prenotabili dal 25 di maggio hanno marginalmente influito sulle vendite di maggio e, ancor più, daranno una boccata d’aria nei prossimi mesi. La crisi del settore, però, ha radici profonde. La transizione energetica ha scosso il settore. La pandemia e poi la guerra in Europa hanno fatto il resto. Per ultimo c’è stato l’aumento dell’energia e quello delle materie prime, condito con l’impennata dell’inflazione tornata in un lampo a mezzo secolo fa. Così, i costruttori, hanno preferito non spingere sul pedale dell’acceleratore. Risultato, nell’intero 2022, seguendo il trend attuale, più le 200 mila unità aggiuntive che dovrebbero essere garantite dagli ecobonus (si spera), saranno circa 1,35 milioni le vetture immatricolate nella Penisola, un calo quasi a doppia cifra rispetto ad un 2021 già parecchio fiacco. Tant’è.

Gli ecoincentivi hanno tutti un’anima ecologica, ma sono divisi in tre fasce. Le prime due hanno la spina e possono utilizzare anche energia elettrica proveniente da fonti pulite. Sono tecnologiche e parecchio costose. La terza, quella che va da 61 grammi a 135 al chilometro, sono per lo più auto efficienti e di piccola cilindrata. Hanno, però, di solito, prezzi decisamente accessibili. Una soluzione particolarmente adatta ad un periodo come quello attuale. Per aumentare i volumi, quindi, bisognerebbe premiare queste ultime che pero vanno poco verso l’elettrificazione.

I numeri parlano chiaro. In soli 6 giorni la terza fascia ha bruciato 136 milioni dei 170 stanziati per tutto l’anno, ne restano 34 chi finiranno al massimo la prossima settimana. Le altre 2 categorie, insieme, pur avendo una cifra disponibile più sostanziosa sono state prenotate per appena 29 milioni. Nell’ultimo mese le consegne totali sono -15% rispetto allo scorso anno e -38% rispetto al 2019 prima della pandemia. Il cumulato dei 5 mesi è ancora peggiore, sfiora una perdita del 25%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA