Giorgio Ursicino
MILLERUOTE di
Giorgio Ursicino

Auto dell'Anno, sbanca la Toyota Yaris: esperti e mercato d'accordo, è la vettura perfetta per la fase attuale

Martedì 2 Marzo 2021 di Giorgio Ursicino
La Toyota Yaris, Auto dell'Anno 2021

La Toyota Yaris è l’Auto dell’Anno. La compatta della casa giapponese si è aggiudicata l’edizione 2021 del più prestigioso riconoscimento automobilistico in modo abbastanza netto, precedendo la Fiat 500 e la Cupra Formentor. Alla votazione hanno partecipato 59 giornalisti dell’Europa “allargata”, comprese nazioni come la Russia e la Turchia. Come non sempre avviene, il giudizio degli esperti ha sposato le indicazioni del mercato. Il modello di Nagoya, infatti, arrivato alla quarta generazione, è sulle strade dalla fine della scorsa estate ed ha ottenuto un consenso almeno in linea con le ambiziose aspettative. In Italia nel 2021 è la seconda vettura più venduta, la prima estera.

In un periodo di pandemia, che sta incidendo pesantemente sulle vendite del comparto, la fabbrica francese di Valenciennes viaggia a pieno ritmo e non riesce a seguire la domanda. Entro l’anno darà una mano anche lo stabilimento di Kolin in Repubblica Ceca che produrrà la Yaris a fianco della futura Aygo realizzata sulla stessa piattaforma. Per Yaris questi exploit non sono una novità anche se non si era mai spinta così in alto. L’appeal dell’auto è legato a doppio filo all’affermazione del brand in Europa. La vettura nipponica stabilisce un altro primato: è il terzo progetto in grado di bissare il trofeo Coty che aveva già messo in bacheca con la prima generazione nell’edizione inaugurale del nuovo millennio.

La Yaris era già stata eletta Auto dell’Anno nel 2000 e ora si affianca con due Trofei alla Golf (1992 e 2013) e alla Clio (1991-2006), autentiche best seller. La cittadina Toyota è stata anche le prima “piccola” ad ottenere 5 stelle nei crash-test EuroNCAP (2005), risultato che ha confermato lo scorso autunno con i parametri più severi. È stata venduta in quasi 4,5 milioni di esemplari, un milione dei quali in Italia. Anche se alla fine del secolo scorso le prime unità arrivavano dal Giappone, Yaris è subito partita fortissimo, rafforzando nel tempo la sua quota all’interno del segmento in Europa: 4,7% la prima serie, 5,1% la seconda, 7,6% la terza, mentre quella attuale ha infranto la barriera della doppia cifra.

Sin dall’inizio la baby orientale si è distinta e fatta apprezzare per alcune caratteristiche scritte nella roccia che i nostri automobilisti non erano abituati ad avere su auto di queste dimensioni: qualità, affidabilità, durata, semplicità di gestione. In più la Yaris è diventata famosa per il design, l’efficienza e, soprattutto, l’imbattibile rapporto dimensioni-spazio, considerato un grande valore nell’utilizzo in città. I giurati, però, hanno sicuramente premiato la “maturità” dell’auto, la stessa cosa che stanno facendo i consumatori. La nuova generazione sta avendo un incredibile successo perché è una Toyota Yaris, ma anche perché è la più avanzata full-hybrid del mercato.

Una tecnologia inventata un quarto di secolo fa proprio dalla casa delle Tre Ellisi e che ora ha raggiunto livelli di guidabilità, di consumo e di emissioni inarrivabili. In poche parole è il modello senza spina più efficiente in assoluto, quello che brucia meno benzina ed emette meno CO2. Scusate se è poco. In una fase di transizione energetica, dove le vetture fortemente elettrificate sono ormai riconosciute le migliori, viaggiare per molto tempo e spazio a zero emission senza avere l’ansia della ricarica sembra sia proprio quello che i clienti cercano. Il nuovo modello ha una powertrain inedita, composta da un fiammante 3 cilindri 1.5 e da un elettrico per una potenza totale di 116 cv, 16 più del precedente, mentre il consumo scende del 25% (a 35,7 chilometri con un litro) e le emissioni di CO2 calano da 84 a 64 g/km.

La ripresa 80-120 migliora di 2 secondi, a 8,1”, la batteria ora è al litio con vantaggi per il funzionamento e per gli ingombri, la capacità di viaggiare in “veleggiamento” sale a 130 km/h. La nuova piattaforma TNGA offre una base eccellente e ha permesso di realizzare un corpo vetture 5 cm più corto con passo allungato di 5 cm. È stato sicuramente premiato il fatto che la nuova Yaris non è un semplice modello, ma una famiglia: c’è anche la sportivissima versione GR da 265 cavalli e l’intrigante suvvizzata Cross.

Maniacale l’attenzione per la sicurezza: Yaris è la prima vettura della classe ad avere gli airbag centrali che impediscono il contatto dei passeggeri anteriori in caso di incidente. Yaris è riuscita a far meglio di due modelli completamente elettrici (Fiat 500 e Volkswagen ID.3) spinti dal vento del “carbon free”. Ha ricevuto consensi in quasi tutti i paesi ed in 5 è stata la più votata, mentre la ID.3 è risultata prima in 6 mercati. I giurati di Regno Unito e Spagna hanno particolarmente apprezzato i modelli nazionali, rispettivamente Land Rover Defender e Cupra Formentor.

Ultimo aggiornamento: 04-03-2021 17:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA