Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€
Giorgio Ursicino
MilleRuote
di Giorgio Ursicino

Auto, crolla il mercato. L'Italia è il peggior paese d'Europa. Imbarazzante le vendite delle vetture ecologiche

Auto nuove sul treno bisarca
di Giorgio Ursicino
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Aprile 2022, 17:41 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 21:04

L’Italia sprofonda, ma l’Europa non ride. L’Acea, l’associazione dei costruttori continentale, ha comunicato i dati del mese di marzo che completano anche il primo trimestre. Certo la situazione generale non aiuta (la pandemia ha passato il testimone alla guerra) per l’acquisto di un bene così impegnativo e destinato a durare nel tempo. A questo quadro generale si aggiungono i problemi della transizione energetica, la crisi dei semiconduttori, il caro energia e l’aumento delle materie prime. Il risultato è disastroso. Nei 30 paesi europei (Ue, Uk ed Efta) nell’ultimo mese il trend è addirittura peggiorato rispetto al trimestre, toccando il 18,8% rispetto al 10,6% dei primi 3 mesi del 2022. A marzo le consegne sono passate dal 1.387.985 del 2021 a 1.127.077 di quest’anno. Nel primo quarto dell’esercizio sono andate in fumo 330.000 auto, un terzo delle quali (110.000) nella Penisola.

Nel trimestre, purtroppo, il nostro paese è il peggiore di tutti e trenta, con un perdita di un quarto (24,4%) delle immatricolazione. Una buona parte è dovuta al colpevole ritardo con il quale sono stati varati gli incentivi, ma ci sono anche altri fattori che incidono negativamente. E il settore è sempre sotto pressione e con il morale basso anche quando vengono prese decisioni “strutturali” che dovrebbero durare nel tempo. Non è una buona cosa. Non è assolutamente importante chi azzecca quando si affermerà l’auto elettrica. Se crediamo nell’Europa la cartina al tornasole quotidiana è come ci muoviamo rispetto agli altri 4 grandi mercati del continente. Dovremmo quanto meno restare aggrappati al gruppo. Invece, almeno finora, siamo clamorosamente ultimi, staccati anche dalla Spagna, nella vendita di vetture ecologiche (quelle con la spina).

Un segnale poco allegro per i paladini nella lotta alla CO2. Ieri, intanto, il Ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti rispondendo ad un question time alla Camera. L’aiuto all’antomotive andrà ben oltre gli ecobonus e prossimamente ci sarà un decreto che faciliterà la transizione ecologica per tutto il comparto della mobilità che è di straordinaria importanza per l’economia e l’occupazione per il nostro paese. Quanto al costo della benzina, «la dinamica dei prezzi dei carburanti - ha detto il ministro - resta un tema di primo piano su cui è massima l’attenzione del governo, che proseguirà nell’attività di monitoraggio, oltre che nella valutazione delle misure necessarie a calmierare i prezzi, fra cui la proroga del taglio delle accise disposta nell’ultimo decreto legge».

© RIPRODUZIONE RISERVATA