Rocca di Papa, ricordato il sindaco eroe Crestini a un anno dall'esplosione del comune

foto
A distanza di un anno dalla tragica esplosione del Municipio di Rocca di Papa, a seguito della quale sono morti il sindaco Emanuele Crestini e il consigliere comunale delegato Vincenzo Eleuteri, il Comune ha voluto dedicare in loro memoria una intera giornata di commemorazione oggi 10 giugno. Le cerimonie si sono svolte prima in chiesa,  con una messa al duomo, poi davanti al comune, con la deposizione della corona con il suono delle sirene e l'inno nazionale.  Poi presso la sala conferenze della chiesa dei Campi di Annibale, sono stati consegnati gli attestati di benemerenza ai sindaci, alle forze dell'ordine e ai soccorritori che si prodigarono per molti giorni . Presente anche la mamma del compianto sindaco la piccola Mariaregina  e gli altri familiari. “A nome di tutta la Città, l'amministrazione comunale rinnova il proprio sincero cordoglio per le loro famiglie e ringrazia tutte le forze dell'ordine - ha detto la vice sindaca Veronica Cimino, durante le celebrazioni di oggi - carabinieri, forestale, polizia di stato, finanza, guardiaparco, tutti i soccorritori intervenuti, in particolare i vigili del fuoco di Marino, Roma, Nemi e Frascati. Tutti i sindaci dei Castelli, gli impiegati comunali, le protezioni civili, la polizia locale di Rocca di Papa e quella dei comuni vicini, il comune di Roma, la croce rossa e tutti coloro che strenuamente si sono impegnati per dare sostegno al nostro comune in quei giorni tragici”. Il comandante della polizia locale Gabriele Di Bella, ha consegnato alla signora Vanda, mamma del sindaco deceduto, la maglia con la scritta "I Love Rocca di Papa" , con le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, impresse dietro, pronunciate il 31 dicembre 2019 nel discorso alla nazione, citando il sindaco di Rocca di Papa come un esempio di dedizione e attaccamento ai valori dello stato, definendo il suo gesto “altruistico ed eroico”.
Foto Luciano Sciurba

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani