Guidonia, i cittadini contro il Comune per il nuovo piano trasporti

Sabato 21 Novembre 2020 di Elena Ceravolo
Michel Barbet, sindaco di Guidonia,
è originario di Arles, nel sud della Francia

I “buchi” e le carenze del trasporto pubblico locale di Guidonia rimangono nonostante sia stato appena redatto un nuovo piano. Si alza la protesta contro il Comune del sindaco Michel Barbet, del Movimento Cinque Stelle, in vista del bando per la gestione cittadina dei bus, vissuto come una beffa in particolare da chi è residente nei quartieri più lontani dal centro: «L’anno scorso il Municipio ci ha chiesto di presentare la lista dei correttivi per superare tutti i problemi, ma vediamo che non ne hanno tenuto alcun conto», sostengono gli attivisti dell’associazione di cittadini Marcosimoneoline. Carenze che finiscono per penalizzare in particolare la mobilità dei ragazzi. «L’anno scorso, in un incontro in Comune – specificano i rappresentanti di zona - abbiamo rappresentato esigenze e problemi. Poi li abbiamo presentati in Municipio e ora vediamo nel nuovo bando praticamente gli stessi percorsi che ci sono ora. Il responsabile del procedimento, forse spaventato dalle richieste dovute ai tanti disagi, ha preferito lasciare le cose sostanzialmente invariate, senza tener conto delle esigenze minime di chi vive nei quartieri».
I problemi più grossi sono a Marco Simone, Setteville Nord, Colleverde, Pichini. Dito puntato sulle tavole toponomastiche che mettono nero su bianco i percorsi, i quali prevedono solo collegamenti tra Marco Simone e Setteville, e prevedono solo tre corse al giorno tra Colleverde e la Linea 2 che girerà la corsa verso Colleverde Secondo. «Resta invariata la linea 1/b – aggiungono i cittadini - che viaggia in andata e ritorno su via Tacito agli stessi orari e si accavalla in alcuni tratti con la linea 1/a. Restano scoperte alcune parti centrali del quartiere che non si sa come raggiungere. Nessun collegamento su via di Marco Simone. I nostri ragazzi continueranno ad essere sempre impossibilitati a tornare a casa autonomamente, e costretti a scegliere le scuole in funzione dei collegamenti».
La gara per l’affidamento dei servizio di trasporto pubblico è stata lanciata, per la prima volta integrata con la vicina Marcellina. L’appalto mette insieme le risorse destinate dalla Regione ai due comuni: in tutto un milione e 85 mila euro. La quota parte di Guidonia ammonta a poco più di 998 mila euro per una percorrenza annua di 528 mila chilometri a vettura, quella di Marcellina a quasi 86 mila euro per una percorrenza di 45.664 chilometro a vettura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA