Visoni vaccinati contro il Covid in Finlandia: primi test in mille allevamenti

Visoni vaccinati contro il Covid in Finlandia: primi test in mille allevamenti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Ottobre 2021, 15:37 - Ultimo aggiornamento: 15:39

A differenza della Danimarca che ha sterminato milioni di visoni per il timore che potessero essere portatori di Covid, la Finlandia ha deciso di applicare un'altra strategia: cominciare a vaccinarli. Gli animali saranno immunizzati con un farmaco sperimentale a patto che «entro la fine di dicembre siano forniti altri dati sulla sua sicurezza», così ha spiegato l'alto dirigente dell'Autorità per il cibo finlandese Liisa Kaartinen.

 

Fulmine colpisce un gregge e uccide 47 capre: pastore disperato (ma c'è chi lo sta aiutando)

La strategia finlandese

«Abbiamo preparato circa mezzo milione di dosi, che dovrebbero essere sufficienti per vaccinare tutti gli animali con due dosi», ha detto Jussi Peura, ricercatore dell'Associazione finlandese degli allevatori di pellicce, che ha sviluppato il vaccino insieme all'Università di Helsinki. L'associazione ritiene che il suo sia il primo vaccino sugli animali a ricevere un'autorizzazione, se pur provvisoria, all'interno dell'Unione europea.

 

Il siero per animali sviluppato in Russia

Lo scorso marzo la Russia aveva annunciato di aver sviluppato il primo siero al mondo contro il Covid per animali e lo aveva sperimentato su cani, gatti. volpi e anche visoni. Questi ultimi sono finora gli unici animali identificati come in grado di trasmettere il nuovo coronavirus all'uomo.

Al momento nessun caso di Covid

Nei circa 1.000 allevamenti di visoni che ci sono in Finlandia non è stato riscontrato nessun caso di Covid. Tra l'altro nel Paese il tasso di trasmissione tra gli esseri umani è tra i più bassi d'Europa. L'anno scorso in Danimarca, una volta il più grande esportatore europeo di pelli di visone, una mutazione del virus identificata negli animali ha costretto all'abbattimento di tutti i 15 milioni di esemplari del Paese.

Cane ucciso nel lago di Garda. «Per farlo affogare pietre legate al corpo». Ira social

© RIPRODUZIONE RISERVATA