Ucraina, «accogliete le famiglie con animali». La campagna delle associazioni per aiutare i rifugiati con i quattro zampe

L'appello diffuso da UAnimals

Alcuni dei cartelli comparsi nelle città ucraine (immag diffuse da UAnimals)
di Remo Sabatini
2 Minuti di Lettura
Sabato 14 Maggio 2022, 14:19

"Non negate l'affitto a famiglie con animali domestici". Questo, l'appello diffuso da UAnimals, l'associazione animalista ucraina, comparso in questi giorni su diversi cartelloni pubblicitari in alcune città di quel Paese. Sì perché, oltre all'emergenza che, determinata dalla guerra, sta mettendo in ginocchio la popolazione, vi è anche quella legata agli animali, anche domestici, che le famiglie di rifugiati hanno deciso di portare con sé. "Dall'inizio della guerra, spiega UAnimals, il nostro Paese è fonte di ispirazione per la solidarietà dimostrata. Tuttavia, è stato sottolineato, a volte le famiglie costrette a trasferirsi in altre regioni, trovano molta difficoltà a trovare una casa perché alcuni affittuari si rifiutano di accettare anche i loro animali".

Cure gratuite per cani e gatti dei rifugiati ucraini in 38 paesi europei, ecco cosa fare

Londra, donna sposa il suo gatto: «Potranno pensare che io sia pazza, ma non lo sono»

Una questione, quella della ricerca di una nuova sistemazione per sé e per la propria famiglia che, in tempi di assoluta emergenza, può fare la differenza tra la vita e la morte. In molti, infatti, nonostante il pericolo dei bombardamenti, si sono rifiutati di lasciare la propria casa per non abbandonare gli animali. Anche e soprattutto per questo, l'appello di associazioni come UAnimals, da tempo sul campo per offrire aiuti e asilo agli animali in difficoltà, è stato accolto con favore dalla stragrande maggioranza della popolazione. "Siate comprensivi, ha detto un portavoce dell'associazione rivolgendosi ai proprietari delle case in affitto, specialmente in tempi così difficili, non rifiutate le famiglie con animali". I cartelloni, come documentato dalle immagini diffuse da UAnimals che proponiamo, sono già stati installati in alcune città. Tra queste, Ivano-Frankivsk e Ternopil. "Presto, sottolineano, compariranno anche per le strade di Leopoli". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA