DONALD TRUMP

«A caccia con Donald Trump jr», all'asta un safari con figlio e nipote del presidente Usa

Giovedì 6 Febbraio 2020 di Remo Sabatini
1
Donald Trump jr in due momenti di caccia (immagini pubbl sul suo profilo Instagram)

A caccia con Donald Trump jr. Questa, l'ultima trovata di una compagnia che organizza safari di caccia che, insieme allo stesso Trump jr ed alla guida professionista, Keegan McCarty, titolare della Coastal Alaska Adventures, ha aperto un'asta pubblica di partecipazione che prevede una imperdibile giornata, delle sette disponibili, da trascorrere tutti insieme nelle terre selvagge dell'Alaska per cacciare e sparare a cervi e paperelle in compagnia del buon Donald e di suo figlio. Sì, perchè, stando alla pubblicità dell'evento, i cui proventi dovrebbero finanziare i cacciatori che si adoperano per la salvaguardia della fauna selvatica, è garantita anche la presenza del nipotino del presidente americano. E allora, per chi fosse interessato a partecipare, qualche dettaglio della "Hunter Heritage Series", la caccia dei sogni, che partirà a breve.

LEGGI ANCHE Impeachment, il Senato assolve il presidente Donald Trump da ogni accusa

LEGGI ANCHE Per protesta contro Trump tutte le deputate Dem al Congresso arrivano vestite di bianco

Prima di tutto, l'imbarcazione: uno splendido e lussoso yacht super accessiorato e dotato di ogni confort, per gli spostamenti. Poi, l'esperienza pluriennale dei noti cacciatori che insegneranno ai partecipanti e ai loro figli, come seguire una pista, braccare l'animale e, finalmente, spararlo in tutta sicurezza. "Con questo programma, è spiegato dall'organizzazione, vogliamo condividere la vera realtà della caccia con le future generazioni. Quest'anno, poi, sottolineano, avremo con noi Donald Trump jr, un uomo che non ha bisogno di presentazioni e la cui passione per la caccia "outdoor", lo ha reso il numero uno, un ambasciatore del nostro modo di vita". Già, come indicato dagli organizzatori dell'asta, la passione per la caccia e la pesca estrema del figlio del presidente americano, sono più che evidenti. Che si sia in alta montagna o in mezzo all'oceano, per il giovane Donald, non fa differenza. Tanto che, spesso, mette a disposizione del prossimo, le sue conoscenze.

Come accaduto nel marzo scorso quando, felice come una pasqua, aveva pubblicato sulla propria pagina Instagram, l'ennesima prodezza corredata da tutta una serie di fotografie che raccontavano quella giornata. Sì, perchè prendere all'amo un grosso squalo con una canna da pesca dalla riva, non è impresa facile nè qualcosa che capita tutti i giorni, soprattutto se a sorreggere la canna, è una bambina che, da sola, non ce l'avrebbe mai fatta. "Ho aiutato Kai a prendere il suo primo squalo", aveva commentato sui social mentre posavano insieme con il pesciolone mezzo stecchito. E poi, "Kai mi aveva detto che la sua insegnante di scienze le avrebbe dato un credito extra se avesse preso un grosso pesce". E così è stato. Per la cronaca, l'asta della caccia in Alaska è arrivata a toccare i 15mila dollari. Mancano poche ore. Forse è il caso di affrettarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma