Tigre della Malesia morta annegata allo zoo. È un mistero, gli animalisti: «Impossibile»

Martedì 15 Dicembre 2020 di Remo Sabatini
Tigre della Malesia morta annegata allo zoo. È un mistero, gli animalisti: «Impossibile»

Si chiamava Melur ed era una splendida cucciolona di tigre della Malesia di 11 mesi. Vanto dello zoo Negara Malaysia di Hulu Kelang in Malesia, aveva due fratelli, Hebat e Wira Melur, orgoglio di mamma e papà tigre, Kayla e Jati.

Melur non c'è più. E' morta affogata nella pozza dell'area espositiva dove viveva. Affogata? E' la domanda che si pongono tutti, animalisti e associazioni, almeno da quando è stata resa nota la tragica notizia. Sì perchè la cucciolona, sarebbe morta addirittura nel marzo scorso anche se soltanto in questi ultimi giorni, la vicenda è stata resa di pubblico dominio alimentando, però, misteri sulle cause della morte della tigre.

 

Animali, lo studio choc: «A Bruxelles si consuma carne di animali africani protetti, venduta nei mercati all'aperto»

Leopardi delle nevi positivi al Covid: sono stati contagiati da un custode. È la sesta specie animale infettata dall'uomo

 

 

 

Ottima nuotatrice

 

 

Cosa ha ucciso veramente Melur? E' noto che le tigri amano l'acqua e sono ottime nuotatrici. Tanto che, in natura, non è affatto raro vederle cacciare le loro prede in mezzo agli stagni, lungo i fiumi e sulle sponde di laghi e laghetti. Forse quella pozza artificiale era scivolosa e non è riuscita a venirne fuori? Improbabile. E allora, come ha fatto a morire affogata? Tra le ipotesi, rilanciate dal The Rakyat Post che ha diffuso l'immagine che pubblichiamo, quella di un virus, il CDV (Canine Distemper Virus) un RNA virus che appartiene al genere Morbillivirus della famiglia Paramyxoviridae che causa, ad esempio, la malattia del cimurro nei cani. Un virus aggressivo che può risultare, talvolta, fatale e che sarebbe già stato riscontrato in due tigri selvagge nel luglio del 2019. Una ipotesi questa, che se confermata, spaventa ben più di una pozza d'acqua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA