CORONAVIRUS

Ferragosto, sicurezza in mare: 400 cani bagnini Sics sulle spiagge italiane

Venerdì 14 Agosto 2020
Ferragosto, sicurezza in mare: 400 cani bagnini Sics sulle spiagge italiane

Le 400 task force speciali della Scuola italiana cani salvataggio saranno al lavoro nel week end di Ferragosto in ausilio e affiancamento ai presidi di sicurezza balneare tradizionali: quattrocento angeli del mare sulle spiagge italiane, da Trieste a Palermo. Nei giorni più “caldi” dell'estate più complessa degli ultimi decenni, la Sics mette in campo tutte le sue forze per aumentare il livello di sicurezza in mare e contribuire a monitorare il litorale affinché vengano mantenute le distanze di sicurezza anche sulla spiaggia.

Dall'inizio della stagione balneare, iniziata in forte ritardo per l'emergenza coronavirus e rivoluzionata dalla necessità di rispettare le regole anti contagio e dalla paura che ha portato molte persone a preferire i monti, sono già state effettuate diverse operazioni di soccorso da parte delle Unità Cinofile Sics. Il 9 agosto è stata evitata una vera e propria tragedia al largo di Palinuro in Campania. Un'imbarcazione è affondata e sei persone erano finite in acqua a oltre 500 metri dalla costa. Il Labrador Sics, Lux e la sua conduttrice sono stati i primi a raggiungere il luogo del naufragio, seguiti da tre pattini di salvataggio degli stabilimenti vicini e dai mezzi della Capitaneria di Porto. Quando l'unità cinofila è arrivata sul posto, l'imbarcazione presa in affitto, era completamente affondata. La situazione si é rivelata particolarmente complessa: in particolare, tra i sei naufraghi, una donna non era in condizioni di galleggiamento e Lux, attraverso la sua speciale imbragatura, si è occupato di tenerla a galla e in sicurezza, permettendo all'operatrice Sics di gestire il l'intero gruppo fino all'arrivo dei primi mezzi di soccorso.

Il 4 agosto, sulla spiaggia di Fetovaia all'Isola d'Elba, provvidenziale intervento dei cani in divisa, in aiuto di due giovanissime turiste che, su un grande materassino, a causa del forte vento di superficie, erano state trascinate a largo, oltre le boe di sicurezza. Il 18 luglio, sulla spiaggia Le Saline di Palinuro due squadre Sics hanno partecipato con successo alle ricerche di A.B., una bimba di appena 4 anni che si era persa. Dopo 15 lunghissimi minuti i Labrador Pelù, Igor e Neve, assieme ai loro colleghi umani la hanno individuata e immediatamente soccorsa e messa al sicuro. La bimba, fortemente impaurita, dopo essersi ricongiunta alla famiglia, ha voluto salutare e ringraziare i suoi nuovi amici a 4 zampe.

Il 5 luglio, sul litorale Nord del Lazio, a Riva dei Tarquini, le unità cinofile Panna e Tobia hanno soccorso un bambino di 6 anni che era caduto da un canotto a circa 40 metri dalla spiaggia, trovandosi in forte difficoltà. Nonostante il mare fosse apparentemente calmo, il forte vento da terra ha allontanato il bimbo (M.C.) dal suo canotto e lo ha capovolto; immediatamente, i cani bagnini e i loro conduttori si sono lanciati in suo soccorso. Il canotto è, poi, stato recuperato molto a largo da un'imbarcazione di passaggio.

Le postazioni Sics partendo dal nord della costa Adriatica, operano a Trieste (Friuli Venezia Giulia), a Caorle nel Veneto, località a nord est della Laguna di Venezia; in Emilia Romagna sono presenti a Cesenatico e Ravenna; le Marche e l’Abruzzo sono presidiate attraverso le postazioni di San Benedetto del Tronto, Ortona, Pescara e Silvi Marina, in Puglia la Sics è presente a Bari. Per quanto riguarda la costa tirrenica, la Sics è presente in Liguria, nelle località di Albissola e Voltri, alla periferia occidentale di Genova; in Toscana a Forte dei Marmi, Montignoso, Marina di Pisa. E poi nel Lazio, con le postazioni di Montalto di Castro, Ostia, Anzio, Nettuno e Sperlonga. Al Sud troviamo Palinuro in Campania, Soverato sul Mar Ionio, Palermo e Alcamo in Sicilia. Non solo mare: gli eroi a quattro zampe controllano anche le rive del lago Maggiore, del lago di Garda, del lago d'Iseo e dell’Idroscalo di Milano.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA