Rinchiusi al buio per 17 anni, due orsi salvati dalla fattoria degli orrori della bile clandestina

Venerdì 26 Marzo 2021 di Remo Sabatini
Uno degli orsi liberati dopo 17 anni

Quando sono scesi nel seminterrato, l'odore era stato devastante. Buio e senza un filo d'aria, quel posto sembrava essere uscito da un film dell'orrore. Eppure è proprio lì, in quel seminterrato di una località vietnamita non ancora resa nota, sotto un negozio di abbigliamento, che i volontari di Four Paws International, l'organizzazione che si occupa di salvaguardia animale, dopo lunghe investigazioni hanno trovato e salvato due orsi della bile.

[Breaking News] Asiatic black bear confiscated in Son La province Yesterday March 17, the Forest Protection Department...

Posted by Education for Nature - Vietnam (ENV) on Friday, 18 March 2016

Un orso entra nella sua vasca idromassaggio per rilassarsi un po’

Inutile sottolineare lo strazio subito dai due plantigradi. Xuan e Mo, come sono stati ribattezzati i due sopravvissuti, erano rinchiusi dentro quel seminterrato fatiscente da ben 17 anni. Un tempo lunghissimo e quasi inimmaginabile trascorso al buio e in gabbia senza mai vedere la luce del sole. Ma c'è di più, ai due poveri orsi, infatti, ogni giorno veniva praticata la tortura della estrazione della bile in quella che era considerata una vera e propria fattoria della bile clandestina. Che cosa sono le fattorie della bile? A dispetto del nome fattoria che potrebbe trarre in inganno, sono luoghi tremendi. Lì, infatti, i poveri orsi catturati sono detenuti in gabbie piccolissime così da rendere loro impossibili troppi movimenti.

Legambiente: «Sospendere subito i bandi per i daini»

Agli animali infatti, viene praticato un foro e infilato un piccolo catetere nella cistifellea che non si deve rompere. Quel catetere, saranno costretti a sopportarlo tutta la vita e serve per l'estrazione della bile che, goccia dopo goccia, fuoriesce come tante piccole lacrime infinite. Tutto, per la preparazione di medicamenti legati alla medicina tradizionale orientale che, nonostante i tempi moderni, continua a prosperare. Il principio attivo del medicamento denominato ursodesossicolico, infatti, da tempo è disponibile in via sintetica. Così come le fattorie della bile che ormai sono divenute illegali in diversi Paesi Asiatici, Vietnam compreso. Nonostante tutto questo, il dramma dei cosiddetti orsi della bile continua clandestinamente. Qualche dato incoraggiante però c'è. Il lavoro delle associazioni e la crescente sensibilità riguardo al benessere animale stanno cominciando a dare frutti che si traducono in numeri impensabili soltanto pochi anni fa. Ad oggi, in Vietnam, sarebbero circa 372 gli orsi ancora detenuti nelle fattorie dell'orrore. Nel 2005, erano quasi 4.500.

© RIPRODUZIONE RISERVATA