Femmina di orango chiusa in uno zoo per 33 anni, finalmente Sandrà sarà libera

Lunedì 30 Settembre 2019 di Remo Sabatini
Sandra, l'orango rioconsciuta essere senziente. (immagine pubblicata Ansa)

La storia di Sandra, una splendida femmina di orango, era iniziata tanti anni fa. Nata in uno zoo tedesco, quello di Rostock, 25 anni fa, dopo che sua madre la respinge, vive e cresce da sola fino a quando, nove anni dopo, viene venduta allo zoo di Buenos Aires, in Argentina. Anche laggiù, dall'altra parte del mondo, Sandra vive per lunghi periodi in completa solitudine, in una area espositiva grande quanto un campo da basket. Mamma. Sì, Sandra, durante un periodo della sua detenzione, era diventata mamma. Quell'avvenimento però, contrariamente a quanto avviene in natura, anche per lei sembra non essere un lieto evento.

Scimmia rapisce gattino sotto gli occhi dei passanti: inutili i tentativi di salvarlo
Scimmia tenta di evadere dallo zoo spaccando il vetro: le immagini fanno il giro del mondo
Tigre sull'albero per catturare la scimmia, ma l'operazione fallisce e il video diventa virale

Tanto che, quasi subito, rifiuta il suo piccolo, Sheinbira che viene successivamente venduto. Ma la sua storia non finisce quì perchè, era il dicembre del 2014, il suo nome rimbalza in ogni angolo del pianeta. Un tribunale della capitale argentina, dopo il ricorso presentato da dall'Afada, l'Associazione di Funzionari e Avvocati per i Diritti degli Animali le concede l'habeas corpus. Così, Sandra, improvvisamente si trova ad essere un "soggetto non umano" con sentimenti e capacità di prendere decisioni e non più un oggetto. Quindi, il fatto che sia imprigionata, costituisce una violazione dei suoi diritti. La notizia, manco a dirlo, fa il giro del mondo ma chi si sarebbe aspettato una sua immediata liberazione, sarebbe rimasto deluso.
 

 

Per quella, o perlomeno per qualcosa che gli somiglia, ci sarebbe voluto ancora del tempo. Nel 2016, la liberazione di Sandra sembra farsi imminente. Lo zoo di Buenos Aires chiude ma tra i centinaia di animali che, dichiarano i funzionari, saranno liberati, il nome di Sandra non c'è. I suoi custodi sono contrari e credono che basti ampliare la sua gabbia per renderla più felice piuttosto che liberarla chissà dove. Poi, dopo mesi di stallo, finalmente la notizia che tutti coloro che avevano seguito la vicenda, aspettavano. E' il 2017 quando viene finalmente identificata la struttura che ospiterà l'orango. Sandra vivrà nel Centro Grandi Scimmie che si trova in Florida, nell'area rurale di Wauchula. Un'area boscosa e umida di 40 ettari dove vivono 21 oranghi con i quali potrà interagire e iniziare una nuova vita. Così, dopo più di trent'anni, Sandra è finalmente in viaggio verso la sua nuova casa. La prima tappa prevista, per il suo trasferimento, è Dallas, in Texas, dove rimarrà per un normale periodo di quarantena. Poi, se tutto filerà per il verso giusto, proseguirà per il santuario. Nel frattempo, c'è chi giura che, Sandra, non veda l'ora di arrivare.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma