«Nemo a rischio estinzione, potrebbe scomparire dagli oceani per colpa dei cambiamenti climatici»

Mercoledì 27 Novembre 2019 di Remo Sabatini
«Nemo a rischio estinzione, potrebbe scomparire dagli oceani per colpa dei cambiamenti climatici»

Alla ricerca di Nemo è il titolo di un lungometraggio animato di qualche anno fa. Film di successo, narrava le peripezie di un piccolo pesce pagliaccioNemo, al quale ne sarebbero capitate di tutti i colori prima del tenero e sospirato finale dove il refrain "e vissero felici e contenti" sarebbe stato centrato in pieno. Era il 2003 e da allora, purtroppo e soprattutto nei mari e negli oceani, le cose sarebbero cominciate a cambiare.

«Greta è venuta dal passato per salvarci»: foto del 1898 con una sosia scatena i complottisti

Acqua alta, da Venezia a Napoli 21 porti italiani rischiano di annegare (Palermo l'eccezione)
 

Così, anche per il piccolo Nemo e la sua specie, i mutamenti climatici in atto, avrebbero cominciato a rappresentare un problema. Una vera e propria minaccia che, oggi, potrebbe rivelarsi tanto grave da portare il pesce pagliaccio a scomparire. A dirlo, un team di ricerca internazionale capitanato dal CNRS, il Centro Nazionale Francese per la Ricerca Scientifica che ha collaborato con i colleghi dell'Università australiana James Cook, della statunitense Whoods Hole Oceanographic Institution, dell'Università francese di Perpignan, del Red Sea Research Center di stanza all'Università della Scienza e della Tecnologia King Abdullah, in Arabia Saudita e dell'Università Australe del Cile.

Dopo oltre dieci anni di studi su di una popolazione di pesci pagliaccio dell'isola di Kimbe (Papua Nuova Guinea) i risultati sono allarmanti. La simbiosi tra i pesci pagliaccio e alcune specie di anemoni, è nota. I pesci, protetti dagli urticanti anemoni, si cibano delle minuscole particelle di cibo che riescono ad acciuffare. Ma non finisce qui, perchè per i simpatici pesciolini colorati, quegli anemoni sono una vera e propria casa dove, maschio e femmina, insieme ad alcuni maschi sessualmente immaturi, vivono e si riproducono. Meraviglia della natura, quando la femmina dovesse venire a mancare, il maschio "dominante", diventa femmina e gli altri maschi, diventano maturi. Insomma, un ciclo della vita animale pressochè perfetto.

"Il problema si pone, come spiegato all'Agenzia France-Presse dal professor Poujol, coordinatore dello studio, quando intervengono limitazioni nell'ambiente circostante". Acidificazione delle acque, così come il fenomeno dello sbiancamento dei coralli legato alle alte temperature, sono tutti fattori che stanno determinando la morte dei coralli con le gravi conseguenze per l'ecosistema marino che conosciamo e che stanno significando la perdita dell'habitat naturale di Nemo.

"Il pesce pagliaccio, ha sottolineato Poujol, non possiede il necessario corredo genetico che gli permette di mutare il ciclo riproduttivo". Proprio per questo, non è in grado di adattarsi all'ambiente che si sta trasformando così velocemente e che mette seriamente a rischio il ciclo stesso della riproduzione.

Il dramma è che, domani, non ci possa essere più alcun Nemo da cercare.

Ultimo aggiornamento: 17:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma