Morto il rinoceronte Toby, era il più anziano al mondo in cattività (nel parco Natura Viva di Bussolengo): aveva 54 anni

Adesso il corpo sarà trasferito al Museo delle scienze di Trento

Morto il rinoceronte Toby, era il più anziano al mondo in cattività (nel parco Natura Viva di Bussolengo): aveva 54 anni
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Ottobre 2021, 18:04 - Ultimo aggiornamento: 18:22

È morto il più anziano esemplare al mondo di rinoceronte in cattività, il più longevo a vivere in un parco zoologico tra i rinoceronti bianchi meridionali. La sua sottospecie è l'unica a sopravvivere ancora in natura.

Il vecchio cuore di Toby quest'anno non ce l'ha fatta ad affrontare le soglie dell'inverno e lui, a 54 anni, è stato accompagnato nell'ultimo viaggio da tutti quelli che sono potuti accorrere nella serata del 6 ottobre: i suoi keeper, il curatore generale, i medici veterinari, gli etologi e il Ceo del parco Natura Viva di Bussolengo, Cesare Avesani Zaborra.

 

La reazione dell'esperto

«Sapevamo che sarebbe accaduto prima o poi - spiega Avesani Zaborra - ma salutare l'ultima ora del gigante buono che ha costruito con noi la storia dell'ultimo mezzo secolo, resta profondamente triste».

Video

 

Trasferito al Museo delle scienze

Tuttavia, l'apporto di Toby alla salvaguardia della biodiversità non terminerà con la morte: dopo l'autopsia già svolta dall'Università di Padova, vivrà la sua seconda vita al Museo delle scienze di Trento (Muse) perché possa continuare a dare un volto e una forma alle migliaia di rinoceronti che vengono massacrati ogni anno. Solo negli ultimi 10 anni infatti, sono stati 9.885 gli esemplari uccisi per prelevarne il corno e immetterlo sul mercato nero internazionale.

Scoiattoli grigi nel mirino dell'Emilia Romagna: «Vanno eliminati perché annientano le specie locali» Protestano gli animalisti

 

L'ambiente dello zoo

A sentire la mancanza di Toby però non saranno solo gli uomini che hanno condiviso con lui tutta la vita. Saranno anche i nyala e i 14 ippopotami nati e cresciuti alla sua ombra, che condividevano con lui l'unico reparto d'Europa in cui queste specie coesistevano. Un nonno acquisito, soprattutto per i piccoli ippopotami, ai quali ha sempre concesso di giocare con la sua coda e con il suo corno.

«In realtà - ricorda ancora il Ceo del Parco Natura Viva - sono stati proprio loro a supportarlo in un momento difficilissimo della sua vita che lo ha portato nel 2012, già anziano, a dover affrontare la morte di Sugar, sua fedele compagna di vita». Se ne va quindi un altro pezzo di biodiversità del '900 mentre la corsa contro l'estinzione, che in natura non lascia il tempo agli animali di riprodursi e ripopolare i territori, si gioca sempre di più dentro i parchi zoologici. Argomento, quello della conservazione della biodiversità, al centro della conferenza annuale dell'Associazione Mondiale degli Zoo e degli Acquari iniziata oggi.

Bali, elefanti ridotti a pelle e ossa incatenati: la scoperta choc al parco

© RIPRODUZIONE RISERVATA