Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Banda di macachi "evade" dallo zoo giapponese: i cittadini tifano per loro

mamma e cuccioli macachi (immagine pubblicata da Ansa)
di Remo Sabatini
2 Minuti di Lettura
Giovedì 27 Giugno 2019, 15:09

La caccia agli evasi è cominciata stamattina e della maggior parte di loro non c'è ancora traccia. Quella che sembra una scena uscita da un film di quelli alla Fuga per la Vittoria, stavolta non riguarda ergastolani disperati nè partite di calcio tra guardie e ladri ma scimmie. Sì perchè, a farla in barba alle guardie dello zoo giapponese di Okinawa, è stata una banda, sì, ma di macachi. L'allarme era scattato stamattina quando, erano circa le 10, durante il solito giro di ispezione, i custodi si sono accorti che qualcuno mancava all'appello.

Scimmie modificate con geni umani in Cina, dubbi etici e genetici: «Sono più intelligenti»

L'intera area destinata ai macachi, era completamente vuota. Così, in meno di un secondo, la caccia ai 14 fuggitivi sarebbe partita in tutta la città. La notizia, diffusa nel frattempo dai responsabili della struttura, aveva provocato commenti tra i più vari. Non ultimi, quelli di coloro che sembra facciano il tifo per le scimmie fuggite alla ricerca della libertà. La specie di macaco coinvolta nei fatti è la Yakushima, una sottospecie di macaco giapponese nota per essere stata fotografata in più occasioni in mezzo alla neve. E' di poco fa, la notizia che due degli evasi siano stati catturati e ricondotti allo zoo. Degli altri, non è dato ancora sapere. D'altronde, riuscire a far parlare i macachi catturati, non sarà impresa facile.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA