Leoncino nascosto in una scatola all'aeroporto in Messico: rischiava di morire Video

Martedì 7 Aprile 2020 di Remo Sabatini
il leoncino trovato in una cassetta dalla polizia all'aeroporto messicano (immagini e video pubblicati da Guardia Nacional su Twitter)

Doveva essere spedito come fosse stato un pacco qualsiasi. Almeno secondo le intenzioni dell'ignoto contrabbandiere che ora, è ricercato dalla polizia. Ma cominciamo dall'inizio. Siamo all'aeroporto internazionale di Oaxaca, in Messico.

«Non potete portare il cane in aereo», la coppia abbandona il cucciolo in aeroporto
Il commercio dei leoni bianchi in Pakistan
Leoni malnutriti e maltrattati in Sud Africa: allevati per turisti e cacciatori Video

Qui, la Guardia Nacional, la polizia locale, sta effettuando i soliti controlli ad alcuni pacchi già pronti per prendere il volo quando, agli occhi di due agenti, balza all'attenzione una cassetta di legno. E' una strana cassetta con diversi fori, di quelli che si fanno alle scatole per trasporare piccoli uccelli o roditori. Così, immediatamente si avvicinano e si accorgono che, all'interno, non c'è un uccellino, ma un leoncino africano.

QUI IL VIDEO

Il piccolo, una volta liberato, come illustrato dalle immagini diffuse dalla stessa Guardia Nacional, appare disidratato e intontito. Chissà da quanto tempo è rinchiuso lì dentro. In merito alla documentazione, soltanto una falsa fattura. Così, scattate immediatamente le indagini, mentre il piccolo è stato portato al sicuro, si cerca di fare luce sull'ennesimo caso di traffico internazionale di specie che conta centinaia di milioni di esemplari animali e vegetali che vengono prelevati dal loro ambiente naturale per essere venduti a peso d'oro nei mercati clandestini.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani