Jambolina, orsa più sola al mondo, morta dopo anestesia: fu liberata dopo 10 anni in gabbia

Jambolina, orsa più sola al mondo, morta dopo anestesia: fu liberata dopo 10 anni in gabbia
di Remo Sabatini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Agosto 2021, 16:37

La sua vita l'aveva trascorsa quasi tutta in gabbia. Sola, negli oltre 10 anni di detenzione al circo ucraino, l'orsa Jambolina non aveva avuto mai nemmeno compagnia, né sapeva cosse fosse il letargo. La triste storia di Jambolina era iniziata nel lontano 2009 quando era nata in cattività in uno zoo della Crimea. Nemmeno il tempo di capire dove fosse che, poche settimane dopo, la piccola era stata venduta ad un circo dove sarebbe cominciata la sua nuova detenzione. Da sola, rinchiusa in una gabbietta, la piccola Jambolina aveva dovuto imparare a convivere con la paura e le privazioni mentre anche il ricordo dei suoi genitori, sarebbe pian piano andato perduto. Così, mentre gli anni passavano tutti uguali, e con quella gabbietta che si fa sempre più stretta, Jambolina era ancora lì. Poi, finalmente la svolta.

Usa, anche i cervi dalla coda bianca hanno il Covid: «Vasta diffusione negli animali selvatici»

La drammatica emergenza legata al Coronavirus, colpisce anche il mondo del circo che, privato degli spettatori, non è più in grado di accudire e nutrire gli animali. Nel frattempo, della storia dell'orsa, sono venuti a conoscenza anche alcuni appartenenti alla Four Paws, l'organizzazione ambientalista internazionale che si occupa di salvaguardia animale che, finalmente, era l'orso dicembre scorso, riescono a liberare Jambolina. Da qui l'inizio del lungo viaggio che l'avrebbe portata nel cuore delle Alpi svizzere dove era attesa dal personale dell'Arosa Bear Sancruary, il santuario dedicato agli orsi incastonato nel verde delle montagne di Arosa, piccolo centro del Canton Grigioni a sud del lago di Costanza. Dapprima intimidita, a Jambolina non sembra vero di poter correre sui prati. Per la prima volta nella sua vita, poi, riesce anche a dare ascolto al suo istinto e si addormenta. Sarà il suo primo letargo. Da quel momento in poi è tutta una sorpresa.

Orca spiaggiata a centinaia di metri dal mare in Alaska, i soccorritori: «Mai visto nulla del genere»

Dal pieno risveglio in primavera inoltrata fino addirittura all'incontro con Meimo, un maschio della sua specie che arriva dalla città di Shkodra, in Albania, dove è stato salvato dalla cattività. E allora, giochi e corse pazze lungo l'immensa area del santuario. Infine, quando tutto sembrava andare per il meglio, ecco la notizia che non ti aspetti. Sì perché Jambolina ha un grosso problema alla dentatura frutto di anni di incuria e inoltre, deve essere sterilizzata. Così, il 5 agosto, il team specializzato di medici veterinari si mette all'opera. Prima di tutto, l'orsa va sedata. E sarà proprio immediatamente dopo la seduzione che qualcosa va storto. Sì perché, improvvisamente, Jambolina non respira più. "Poco dopo l'anestesia, hanno spiegato gli affranti medici sulla pagina social del santuario, la respirazione di Jambolina si è interrotta per motivi che sono ancora in corso di valutazione. Purtroppo, nonostante gli sforzi, non siamo riusciti a salvarla. Abbiamo il cuore a pezzi". Così è morta Jambolina, l'orsa che aveva appena scoperto la libertà. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA