Mattanza di balene alle Isole Faroe, carcasse smaltite come spazzatura: le immagini choc di Sea Shepherd

Venerdì 30 Agosto 2019 di Remo Sabatini
3
Le carcasse di balena uccise alle Isole Faroe, gettate via come fossero spazzatura. (immagini pubblicate da Sea Shepherd)

L'ultima mattanza di balene, alle Isole Faroe, era andata in scena pochi giorni fa. Quasi 100 esemplari di balene pilota trucidate nell'ambito della tradizionale caccia che, nonostante le proteste internazionali, continua a ripetersi, anno dopo anno. Terribili, le immagini riprese dai volontari di Sea Shepherd, il movimento ambientalista che da anni, segue da vicino la nuova stagione di caccia. Tra gli esemplari uccisi infatti, diverse femmine gravide e piccoli che non sono stati risparmiati. Tutto, per onorare una antica tradizione, tramandata di padre in figlio.

Il leone marino finisce nella bocca della balena: lo scatto diventa virale

Dall'inizio dell'anno, i cetacei uccisi nelle cosiddette "grindadrap", non si contano più. Tanto che, ad un certo punto, ci si era cominciati a chiedere dove potessero finire tutta quell'infinità di carcasse. Centinaia di mammiferi che arrivano a quasi 10 metri metri di lunghezza l'uno, non potevano certo sparire nel nulla. A rispondere al macabro quesito, ha pensato Sea Shepherd che, con immagini e fotografie riprese dai volontari, è riuscito a dare una risposta.

Quelle povere balene, ridotte a carcasse sanguinolente e maleodoranti, vengono caricate su camion e trasportate in una località a sud est del villaggio di Leynar dove, ad attendere, c'è una potente pala meccanica che, in men che non si dica, afferra le balene e, semplicemente, le getta via lungo un dirupo a ridosso dell'oceano. Così, come fosse immondizia, quelle balene finiscono in quell'angolo di isola che è stato chiamato "il carnaio". Un nome che è tutto un programma e che spaventa un pò. Una specie di discarica degli orrori, nascosta così bene che, se non lo sai, non la troveresti mai. D'altronde, lontano dagli occhi, lontano dal cuore.
 

Ultimo aggiornamento: 19:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma