Investe un cane e per soccorrerlo lo carica in auto: arrivato in città si accorge che è un coyote

Mercoledì 4 Dicembre 2019 di Remo Sabatini
Investe un cane nella notte e lo soccorre. Soltanto più tardi si accorge che è un coyote. (immag pubblicata su Fb da Cnn)

Guidare nel buio della notte, soprattutto quando si percorrono strade lontane dai centri abitati, può risultare pericoloso. Se poi, quelle strade, attraversano le praterie canadesi della provincia del Manitoba, la sorpresa può essere dietro l'angolo. Come è accaduto la scorsa notte ad un automobilista, Eli Boroditsky, che mentre viaggiava tranquillo con la propria auto, ha investito accidentalmente un animale.

Uccisi 149 coyote in due giorni nella "tradizionale" gara di tiro: i vincitori premiati in denaro
Il cane spinge il padroncino sulla carrozzina per aiutarlo a muoversi: il video commovente

Resosi conto dell'accaduto, il buon Eli, si era fermato immediatamente e, una volta sceso dall'auto, con l'aiuto di una torcia aveva cominciato a cercare il povero animale. Solo e al buio, lo aveva finalmente trovato. «Povero cane, aveva pensato, è soltanto ferito». Così lo aveva preso in braccio e posto con tutte le cautele del caso, sul sedile del passeggero. Ripartito, in compagnia dell'animale ferito che nel frattempo se ne stava lì accanto, docile come un gattino, aveva guidato fino alla sua fabbrica di New Bothwell, cittadina non lontana da Winnipeg. Una volta sul posto però, alcuni suoi colleghi di lavoro si sarebbero accorti che quello non era un pastore tedesco nè un husky ma ben altro. Quello era un coyote.

«Un coyote? Ma se non ha fatto un fiato», avrebbe poi raccontato Eli alla Cnn. Nel frattempo, quel coyote che sembrava un cane aveva bisogno di aiuto. Così, una volta chiamati i soccorsi, non sarebbe rimasto da fare altro che aspettare. Ad intervenire, nelle prime ore del mattino, alcuni operatori del Wildlife Haven Rehabilitation Centre, il centro di soccorso della zona dedicato alla fauna selvatica che, una volta ricoverato l'animale, lo avrebbero rimesso in sesto. Dal canto suo, il coyote che, stando ai responsabili della struttura avrebbe un'età compresa tra 1 e tre anni, si sta riprendendo bene. Tanto che, presto, potrebbe tornare in natura e dimenticare una dolorosa avventura che il suo salvatore invece, terrà bene a mente.

Ultimo aggiornamento: 21:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma