Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Festa del gatto, perché si festeggia e come celebrare i vostri cuccioli

Festa del gatto, perché si festeggia e come celebrare i vostri cuccioli
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 16 Febbraio 2022, 12:15 - Ultimo aggiornamento: 17 Febbraio, 13:04

Il 17 febbraio è la Festa del gatto: ma perché proprio questo giorno? E chi lo ha deciso?
Era il 1990 e la giornalista gattofila Claudia Angeletti fece un sondaggio tra i lettori della rivista "Tuttogatto". Bisognava indicare un giorno da dedicare a questi animali dando una precisa motivazione. La migliore delle proposte avrebbe sancito ufficialmente la data di questa festa. A vincere fu quella del 17 febbraio della signora Oriella Del Col. Ecco le motivazioni:

1- Febbraio è il mese dell'acquario, ossia degli spiriti liberi e anticonformisti, nella credenza popolare è considerato anche "il mese dei gatti e delle streghe".

2- Il numero 17 nella tradizione viene indicato come portatore di sventura, allo stesso modo in tempi passati erano considerati anche i gatti. L'anagramma del numero romano XVII è VIXI, che significa "sono vissuto" e quindi "sono morto". I gatti hanno la fama di vivere tante vite e dunque ribaltano questo concetto in: "1 vita per 7 volte".

Come festeggiare allora questi straordinari compagni di vita? Provate a mettere tante scatole vuote in giro per casa e aspettate di vedere la loro reazione. Senza dimenticare il loro cibo preferito, naturalmente!

© RIPRODUZIONE RISERVATA