Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La mattanza dei delfini in Giappone: catturati e rinchiusi prima di essere uccisi o venduti agli acquari Video

La prigione di cetacei più grande del mondo ripresa dall'alto (immag e video diffusi da LIA Life Investigation Agency, e Doplhin Project sui social e You Tube)
di Remo Sabatini
2 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Marzo 2022, 10:11 - Ultimo aggiornamento: 26 Marzo, 07:06

Le immagini sono impressionanti. Riprese dall'alto, a due passi dalla nota baia giapponese di Taiji grazie all'ausilio di un drone, documentano quella che è stata definita la prigione di delfini più grande del pianeta. Imprigionati in quelle che a tutti gli effetti, sono vere e proprie "celle galleggianti", infatti, sono tenuti ben 269 delfini di varie specie. Tutti, come denunciato dalle ong internazionali LIA (Life Investigation Agency) e Doplhin Project, che hanno diffuso le immagini che proponiamo, esemplari sopravvissuti alla stagione di caccia di Taiji.

Tutti, in attesa di essere venduti al miglior offerente: sia al mercato alimentare sia ai parchi marini e acquari dai quali non usciranno più. Immagini che ricordano quelle delle tonnare.

Impressionante il numero di specie chiusi nelle gabbie acquatiche giapponesi. Tra queste, 180 bottlenose dolphin (tursiopi) 35 risso's dolphin (grampi) 11 short-finned pilot whale (globicefalo di Gray) 8 striped dolphin (stenelle) 19 pacific white-sided dolphin (lagenorinco dai denti obliqui) 3 melon-headed whale (peponocefalo) 3 rough-toothed dolphin (Steno bredanensis) 9 spotted dolphin (stenella maculata) e una false killer whale (pseudorca).

Alla conta, però e stando alle ultime rilevazioni, mancherebbero ben 25 individui. La loro fine non è ancora nota. Sono forse morti per qualche motivo o fuggiti grazie alle onde provocate dall'ultimo tsunami? Non è dato saperlo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA