CORONAVIRUS

Coronavirus, il cane deve fare pipì: il padrone in quarantena lo cala dalla finestra del quarto piano

Venerdì 21 Febbraio 2020 di Remo Sabatini
Coronavirus, il cane deve fare pipì: il padrone in quarantena lo cala dalla finestra del quarto piano (immagini diffuse da Weibo)

L'emergenza Coronavirus prosegue e non soltanto in Cina dove i casi di quarantena e di famiglie recluse in casa per la paura, non si contano più. Così, non c'è troppo da stupirsi se le soluzioni adottate da diversi proprietari di animali da compagnia come i cani, per fargli fare la classica passeggiatina, lasciano a dir poco sbalorditi.

Coronavirus, Burioni: «Chiedo quarantena da gennaio, spiace aver avuto ragione»

Coronavirus: primi due casi di contagio in Veneto. ​Due pazienti positivi al test a Padova

Come nel caso illustrato dalle immagini diffuse da Weibo, il colosso social cinese, che riguardano la pericolosa soluzione adotatta dal padroncino di un cane che lo ha legato come un salame e lo ha calato dalla finestra al quarto piano del palazzo per fargli fare la pipì.

L'episodio, ripreso a Qiqihar, località nella provincia del Heilongjiang, manco a dirlo, ha riscosso un gran successo, tanto che i moltissimi casi di emulazione successivi alla bravata, hanno costretto le autorità ad intervenire sui media esortando la popolazione a non replicare la singolare, quanto pericolosa pratica.

Così, dopo i drammatici episodi di lancio degli animali domestici dai balconi, per paura che potessero infettare le famiglie e le mascherine disegnate apposta per cani e gatti più fortunati, la discesa e risalita con la corda da palazzi di quattro o cinque piani, rappresenta l'ultima, triste trovata riservata ai quattro zampe di famiglia. Almeno fino alla prossima genialata.
 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua