Orsi polari reclusi in hotel a disposizione dei turisti 24 ore su 24: scoppia il caso in Cina

Orsi polari reclusi in hotel a disposizione dei turisti 24 ore su 24: scoppia il caso in Cina
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Marzo 2021, 21:13 - Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 09:55

Un hotel cinese di Harbin, dove orsi polari sono esibiti 24 ore su 24 ai clienti, è finito nelle mire degli animalisti. "Harbin Polar Land" si trova nella Cina nord-occidentale, celebre anche per l’annuale festival di sculture nel ghiaccio, che attirano moltissimi turisti.

In un video diffuso dagli attivisti si vedono gli orsi, una specia protetta, fotografate dagli ospiti dell’albergo, in uno spazio piuttosto ristretto, che consiste in finta roccia e un pavimento dipinto di bianco a simboleggiare il ghiaccio. 

Le organizzazioni per i diritti degli animali hanno gridato allo scandalo, e chiesto ai turisti di stara alla larga da queste strutture che “approfittano della sofferenza degli animali”. «Gli orsi polari devono stare nell’Artico, dove hanno a disposizione migliaia di chilometri di spazio, e non negli zoo o nelle scatole di vetro degli acquari, e certamente non negli alberghi», ha detto il vice presidente di Peta Asia, Jason Baker.

Siberia, mamma orsa e i suoi cuccioli assaltano il camion dei rifiuti per trovare cibo

L’hotel, che attira i turisti del festival del ghiaccio, ricorda un igloo gigante, con il tetto ricoperto di finto ghiaccio. Anche i social cinesi hanno reagito criticando il “carcere” in cui sono stati relegati gli orsi. «Una prigione panormaica per gli orsi polari… non abbiamo imparato nulla sulla crudeltà verso gli animali?», ha scritto un utente.

In Cina la protezione alla fauna selvatica è ancora molto da migliorare. Anche se di recente (dopo la pandemia) è stato vietato il consumo di certe specie animali, la medicina tradizionale ne fa ancora largo uso. Secondo un portavoce di China Animal Protection Welfare, “la legislazione permette agli imprenditori di sfruttare gli animali, senza alcun remora per il loro benessere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA