Sudafrica, stop agli allevamenti di leoni destinati alla caccia. Le associazioni: «Passo importante per la conservazione»

Lunedì 3 Maggio 2021 di Remo Sabatini
Una famiglia di leoni selvaggi sudafricani

L'industria della cosiddetta “caccia in scatola” (canned hunting) sembra finalmente avere i giorni contati. Lo ha confermato ieri il Ministro dell'Ambiente sudafricano Barbara Creecy  nel corso della conferenza stampa dedicata alla fauna selvatica del Paese. Già, ma cos'è la caccia in scatola? Il “canned hunting” è il termine con il quale si intende la caccia che deriva da prede, in questo caso leoni, frutto di allevamento. Forse non tutti sanno che, in Sudafrica, centinaia di pseudo fattorie allevano migliaia di leoni. Animali spesso detenuti in condizioni tremende con i cuccioli che, strappati in tenera età alle madri, prima sono “venduti” alle fotocamere dei turisti in cerca di tenerezza e poi, una volta adulti, quindi meno carini, vengono destinati ad essere sparati dai fucili di grosso calibro di cacciatori senza scrupoli alla ricerca di facili trofei.

Orsi rinchiusi nella gabbia dello zoo bulgaro. Le tristi immagini riprese dalle associazioni: «Liberateli»

Triste e barbara consuetudine che nel corso degli anni, ha anche significato il macabro commercio delle ossa dei felini trucidati o morti di stenti, destinate alla medicina tradizionale orientale. Uccisioni e traffici che presto, nonostante le prevedibili proteste dei proprietari di quelle fattorie, sembrano destinati a cessare per sempre. «Non vogliamo allevamenti in cattività, ha detto il Ministro Creecy, né la caccia in cattività e neanche la vendita dei cuccioli come animali da compagnia». A margine di quella che è a tutti gli effetti una decisione epocale, l'appunto che ha lasciato le associazioni ambientaliste soddisfatte a metà: «La caccia legale e regolamentata, stabilita dalle severe regole ambientali, continuerà». In ogni caso, un segnale importante che fa ben sperare per il futuro non soltanto dei leoni. «Quello di ieri, ha commentato Fiona Miles di Four Paws South Africa, nota associazione ambientalista internazionale, è comunque stato un passo importante e positivo che mette fine all'industria dei leoni prigionieri. Un passo nella direzione giusta che speriamo possa portare il Paese a diventare leader nella conservazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA