Cane chiuso in un sacco lanciato dal furgone. Salvato dalla polizia che denuncia l'uomo: «Ora sta bene»

Il cane chiuso in un sacco e lanciato dal furgone. (Immag diffusa da Polizia di Stato e Questura di Enna)
di Remo Sabatini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Gennaio 2022, 15:06

La fortuna, per quel povero cane, era stata che in quel momento vi fosse una pattuglia della polizia nelle vicinanze. Perché altrimenti, per la povera bestiola sarebbe stata la fine. Ma cominciamo dall'inizio. Tutti era iniziato quando, qualche giorno fa, una pattuglia della polizia stradale di Enna, percorrendo la strada statale 117 bis in direzione Gela, aveva notato un furgone. Dal mezzo, fermo sul ciglio della strada, era uscito un uomo che, dopo aver aperto il portellone posteriore, aveva tirato fuori un grosso sacco che aveva poi gettato via violentemente. A quel punto, gli agenti avevano voluto vederci chiaro. La scelta si sarebbe rivelata provvidenziale perché, da quel sacco, era venuto fuori un cane.

Sfida la polmonite ed esce dall'ospedale per il suo cane: «Ho dormito 7 notti in auto per non lasciare Balù»

Cane salvato dalla polizia

L'animale, un cagnolone di taglia media con due occhi grandi così, come evidenziato dalle immagini diffuse nuovamente dalla Polizia di Stato sui social, evidentemente terrorizzato, aveva persino tentato di riavvicinarsi al suo aguzzino ma niente. L'uomo, infatti, per tutta risposta, risalito a bordo del mezzo, era prontamente ripartito lasciandolo lì come fosse ferro vecchio, in mezzo ai rifiuti. Da qui l'immediato intervento della pattuglia che, fermato il furgone, aveva denunciato l'uomo, un 57enne della provincia di Caltanissetta, provvedendo a deferirlo presso la competente Autorità Giudiziaria per il reato di maltrattamento animale.

Nel frattempo, sopraggiunti sul posto alcuni volontari di una associazione animalista e una volante del Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza di Gela, per quel cane sarebbe iniziata una nuova vita che, ora, lo vede finalmente in sicurezza. Per una brutta storia che finisce bene, cento altre non hanno un lieto fine. «Il fenomeno dell'abbandono, ha tenuto a sottolineare la Questura di Gela in un comunicato, è purtroppo in aumento. Tanto che la polizia stradale di Enna è più volte intervenuta sia in autostrada che in strade extraurbane, per recuperare animali abbandonati o feriti instaurando una proficua collaborazione con le associazioni animaliste".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA