Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Parigi, nella Senna spunta una balena: corsa contro il tempo per salvarla

La balena nella Senna (immag diffusa sui social da Sea Shepherd France)
di Remo Sabatini
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 14:52 - Ultimo aggiornamento: 15:08

Dopo la tragica vicenda che aveva visto un'orca rinvenuta morta alla fine del maggio scorso, nelle acque del grande fiume francese è di nuovo emergenza. Sì perché, è notizia di poche ore fa, c'è stato un altro avvistamento del tutto singolare. Stavolta, a nuotare nella Senna, c'è addirittura una balena.

L'allerta

A lanciare l'allarme, cui hanno immediatamente risposto associazioni e movimenti come Sea Shepherd France che ha diffuso le eccezionali immagini che proponiamo, le autorità transalpine dopo il primo, inaspettato, avvistamento avvenuto nella giornata di ieri. Della balena, appartenente ad una specie ancora non confermata, non si sa molto. Di certo c'è che le condizioni, apparse per ora buone, potrebbero peggiorare per via dell'acqua dolce e del fondale inadatto ad ospitare giganti del mare come le balene.

«Continuiamo a ricevere moltissime segnalazioni della balena nell'estuario di Havre, in Normandia», ha sottolineato Sea Shepherd in un comunicato. Nel frattempo, la Capitaneria di Roven ha emanato l'allerta alla navigazione: «Non avvicinarsi alla balena e mantenere almeno cento metri di distanza». Così, mentre si attende l'evolversi della situazione, Sea Shepherd France si sta organizzando per far fronte alla nuova emergenza. «Le nostre squadre sono in costante contatto con la Prefettura di Seine Maritime, hanno sottolineato, pronte alla mobilitazione di droni e barche per avviare eventuali operazioni di soccorso». La speranza di tutti, infatti, è che contrariamente a quanto accaduto all'orca, la balena si possa salvare riprendendo, spontaneamente o meno, il largo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA