L'amore per i cani si eredita perché è scritto nel Dna: la ricerca su 35mila coppie di gemelli

Lunedì 20 Maggio 2019

Amici per la pelle. Il cane è da almeno nove mila anni – dai tempi del Neolitico –  un compagno fedele per l'uomo e forse adesso possiamo capire il perché. 
Avere una passione per i cani è scritto nei geni. Un team di scienziati svedesi e britannici ha condotto un'indagine scientifica sul Dna per valutare "l'ereditabilità" dell'amore per gli amici a quattro zampe, confrontando il genoma di 35.035 coppie di gemelli inclusi nello Swedish Twin Registry. I risultati sono pubblicati sulla piattaforma online Scientific Reports. Eccoli.

 

 

Mentre i gemelli identici condividono l'intero genoma, quelli non identici condividono solo circa la metà del loro corredo genetico. Pertanto, analizzandolo, gli scienziati possono confrontare l'impatto dell'ambiente rispetto alla genetica di un determinato elemento. Secondo quanto rilevato dalla ricerca, se un gemello identico possiede un cane, aumentano le probabilità che anche il fratello sia proprietario di un quattrozampe; una scoperta che gli scienziati attribuiscono per oltre il 50% al loro genoma condiviso.

LEGGI ANCHE: Padrone muore per un malore, cane abbaia fino allo sfinimento per lanciare l'allarme

Secondo gli esperti, comunque, anche l'ambiente influenza la nostra preferenza nei confronti di questo animale, un elemento che veniva già dato per scontato precedentemente. Ciò che è innovativo, è il ruolo dei geni. Tuttavia, gli esperti guidati dall'Università di Uppsala (Svezia) non hanno ancora chiarito quali siano quelli che influenzano l'amore per i cani.

Ultimo aggiornamento: 20:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma